Cerca

Crisi: Ciambetti (Veneto), il motore dello sviluppo e' il credito

Economia

Venezia, 18 apr. (Adnkronos) - ''Il motore dello sviluppo passa inequivocabilmente per il credito...
0
Venezia, 18 apr. (Adnkronos) - ''Il motore dello sviluppo passa inequivocabilmente per il credito...

Venezia, 18 apr. (Adnkronos) - ''Il motore dello sviluppo passa inequivocabilmente per il credito e non si vedono ancora gli effetti dei finanziamenti concessi dalla Bce alle nostre banche. In questo contesto il ruolo delle Regioni e l'attivazione di fondi di garanzia e' determinante''. Lo ha detto l'assessore al bilancio della Regione del Veneto, Roberto Ciambetti intervenendo stamane al convegno ''Garanzie per la crescita e lo sviluppo economico'', in corso di svolgimento al Tempio di Adriano a Roma. L'iniziativa, promossa dal coordinamento tra banche e finanziarie regionali a capitale misto pubblico e privato, riguarda il tema delle garanzie pubbliche come sostegno per il sistema delle piccole e medie imprese.

Dopo aver sottolineato l'incertezza e l'imprevedibilita' degli scenari geopolitici nazionali e internazionali e la precarieta' di una situazione che rischia di vanificare anche l'impegno del finanziamento all'impresa attraverso i fondi di garanzia, l'assessore ha rilevato che ''le risorse a disposizione in questo campo, vanno via via assottigliandosi e c'e' da chiedersi - ha aggiunto - se i rigidi vincoli posti dagli accordi comunitari e previsti in situazioni ben diverse da quelle attuali, non rischino, assieme all'azione del governo, che insiste nell'uso spregiudicato della leva fiscale, di minare ogni possibilita' di ripresa dell'economia reale in Italia: come fara' il sistema economico a convivere con una delle tassazioni piu' elevate nel mondo occidentale, il costo energetico tra i maggiori in Europa, il credit crunch negato ma in atto, e i tassi di inefficienza burocratica dell'apparato centrale nemmeno scalfito dalle varie manovre degli ultimi mesi che hanno invece colpito e non poco gli organismi decentrati oltre che famiglie e imprese?''.(segue)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media