Cerca

Borsa: Europa giu' su timori Spagna, Milano -2,42%, banche in rosso

Finanza

Milano, 18 apr. (Adnkronos) - L'euforia sui mercati finanziari dura solo una seduta e i listini...
0
Milano, 18 apr. (Adnkronos) - L'euforia sui mercati finanziari dura solo una seduta e i listini...

Milano, 18 apr. (Adnkronos) - L'euforia sui mercati finanziari dura solo una seduta e i listini del Vecchio Continente, oggi, tornano a fare i conti con i timori per la Spagna, mentre continua il lavoro del governo guidato dal premier Rajoy. La volatilita' resta una costante, in attesa del G20 di venerdi' a Washington chiamato a dare risposte agli investitori che guardano con fiducia a mosse piu' risolutorie per risollevare l'area euro.

Se per il commissario Ue agli affari economici e monetari, Olli Rehn, e' "cruciale ed essenziale" che "tutti gli stati membri, la Commissione e il Parlamento Ue e le altre istituzioni siano unite a sostegno di Italia e Spagna" per aiutarle a superare la crisi, da Roma il premier Mario Monti sottolinea che "e' stato evitato uno shock distruttivo", ma "il cuore del problema italiano e' come tornare a crescere". La crisi "nasce da fattori esterni" ma, nel caso dell'Italia, anche da "debolezze strutturali" e proprio per questi fattori il Paese "ha subito un impatto piu' forte dalla crisi e ne esce ma con fatica". Dopo il rapporto mattutino della Banca centrale spagnola, oggi anche l'Abi ha evidenziato come le sofferenze in Italia sono salite a 107,6 miliardi di euro a febbraio, mentre il responsabile del Global Financial Stability Report del Fondo Monetario Internazionale, Jose' Vinals, sottolinea come "a livello nazionale sono state attuate politiche piu' forti in Italia e Spagna", ma "e' troppo presto per dire che stiamo fuori dalla crisi". L'incertezza dunque incentiva le vendite.

Milano archivia la seduta con una flessione del 2,42% a 14.580 punti, mentre lo spread tra Btp decennali e bund tedeschi chiude a quota 376, dopo aver aperto a 369 e aver toccato un massimo di 382. Maglia nera per la piazza finanziaria di Madrid che perde il 3,99%, (il rapporto tra Bonos e omonimi tedeschi tocca i 410 punti), alla vigilia di un'importante asta sui titoli a medio-lungo termine. In flessione Francoforte (-1,01%) e Parigi (-1,59%), calo frazionale invece per Londra (-0,38%) dopo le minute della BoE. In affanno, in tutta Europa, i titoli del comparto bancario. (segue)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media