Cerca

Bari: delitto pentito di mafia, assolto anche in Appello presunto boss

Cronaca

Bari, 18 apr. (Adnkronos) - La Corte di Assise di appello di Bari, in secondo grado, ha assolto il...
0
Bari, 18 apr. (Adnkronos) - La Corte di Assise di appello di Bari, in secondo grado, ha assolto il...

Bari, 18 apr. (Adnkronos) - La Corte di Assise di appello di Bari, in secondo grado, ha assolto il presunto boss del rione San Pasquale di Bari, Giacomo Caracciolese, dall'accusa di omicidio di Orazio Porro, 54enne pentito di mafia. Questi venne assassinato tra le bancarelle del mercato di via Nizza, a Bari, il 25 marzo del 2009.

Caracciolese, difeso dagli avvocati Raffaele Quarta e Massimo Roberto Chiusolo, era gia' stato assolto in primo grado 'per non aver commesso il fatto'. La sentenza e' stata confermata in appello. I legali sono riusciti a dimostrare che Caracciolese, dieci minuti prima dell'omicidio, era ancora nell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII dove suo figlio era sottoposto ad una visita medica. Quindi, secondo la difesa, sarebbe stato impossibile per l'imputato raggiungere in dieci minuti il mercato.

Non sono bastate le testimonianze di due poliziotti e di un cittadino extracomunitario, che avrebbe raccontato di esseri scontrato con Caracciolese pochi istanti prima dell'omicidio e lo avrebbero visto fuggire subito dopo. La pm della Dda Elisabetta Pugliese, in primo grado, aveva chiesto 30 anni di carcere per l'imputato.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media