Cerca

Scandalo nel Pdl

Er Batman in carcere si difende
"Così facevano tutti"

Il medico di Regina Coeli sequestra il cibo acquistato allo spaccio "incompatible per la salute"

I finanzieri hanno sequestrato il tesoretto dell’ex cassiere del Pdl alla Pisana, per un valore di un milione e 300mila euro e lui continua a giustificarsi: "Così facevano tutti"
Er Batman in carcere si difende
"Così facevano tutti"

 

di Rita Cavallaro 

Gli hanno tolto tutto. Mentre Er Batman era interrogato e i finanzieri del Nucleo di Polizia Valutaria gli sequestravano il tesoretto dell’ex cassiere del Pdl alla Pisana, per un valore di un milione e 300mila euro, dalla sua cella a Regina Coeli, per ordine dei medici del carcere, sparivano tutte le merendine e le bibite gassate che Fiorito aveva comprato in gran quantità allo spaccio del carcere, ma che sono ritenute "incompatibili" con la sua salute.

Oggetto del provvedimento di sequestro contro Fiorito, firmato dal gip Aprile, 7 conti correnti tra Roma e Anagni, 4 rapporti bancari in Spagna, la Jeep Wrangler acquistata da Francone per l’emergenza neve, la Bmw X5, la Smart e la villa di San Felice Circeo. Proprietà che, si legge nel decreto, sono considerate il «corpo del reato, trattandosi di beni acquistati con le somme sottratte alla Regione». Il sequestro è stato disposto in quanto «risulta provata una distrazione» di fondi per 1.357.418 euro. «È il caso di evidenziare», ha scritto il gip, «che si sono raccolte prove molto concrete che vanno ben al di là di quanto richiesto» e che «sussistono, a carico dell’indagato, i gravi indizi di colpevolezza». Eppure Er Batman, in carcere ormai da 3 giorni con l’accusa di peculato, non si sente colpevole: «Quei soldi depositati nei conti era denaro che mi spettava ed era destinato all’attività politica - e aggiunge - facevano così anche altri gruppi». 
Non si sente meno colpevole di altri, Fiorito, che nel suo primo interrogatorio da carcerato ha ribadito per quasi 3 ore quello che aveva già detto da libero. Ha fatto i nomi, ha puntato il dito contro dirigenti del partito che conoscerebbero il “Sistema Lazio”, quello della “stecca para”, delle spartizioni di denaro e dei taciti accordi. Primo tra tutti il presidente del consiglio regionale. «Mario Abbruzzese sapeva dei fondi», ha detto l’ex cassiere, «era a conoscenza di come i soldi venivano spartiti» e avrebbe fatto in modo che «il denaro venisse accantonato nelle casse della Regione per andare incontro alle esigenze dei consiglieri». Poi Francesco Battistoni, citato tra gli «spendaccioni». Francone ha precisato che «non tutti i componenti del gruppo erano a conoscenza della tripla indennità», ma tra i «colleghi che sapevano» ci sarebbero Romolo Del Balzo, Stefano Galetto, Andrea Bernaudo e Ernesto Irmici. Proprio su quest’ultimo ieri si è sollevato un polverone per un articolo di «Repubblica» in cui si parlava di un bonifico inesistente a favore del consigliere per la campagna di tesseramento. E il polverone ha lambito anche il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, vicino ad Irmici. «Nessuno mi ha mai neanche lontanamente informato di ciò che avveniva nella Regione Lazio per ciò che riguardava i fondi al gruppo regionale, né della loro ripartizione, né tantomeno del loro uso fatto da gruppi e da singoli consiglieri regionali», ha precisato Cicchitto. In serata le insinuazioni sono cadute nel vuoto.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emigratoinfelix

    06 Ottobre 2012 - 09:09

    credo che i quesiti posti da marcolelli meritino una risposta,sono oggettivi;ad Albrip invece dico che,pur capendo come l'articolo possa prestarsi a facili ironie,non c'e' invece da scherzare sulle condizioni generali della vita in carcere:in italia,per iniziare,non esiste la pena di morte,e nemmeno faccio distinzione tra detenuti in attesa di giudizio e condannati(i primi potenzialmente innocenti);in molti padiglioni carcerari c'e' scritta una frase sui muri:qui entra l'uomo,non il delitto.Un principio nobile,ma disatteso dal fatto che le condizioni di vita portano tanti detenuti al suicidio.Orbene,uno stato ha il diritto e dovere di punire chi delinque,ma senza abdicare ai criteri minimi di civilta' e rispetto per la vita umana.Alla demagogia spicciola di Albrip che sembra invidiare la sanita' penitenziaria,suggerirei di verificare di persona,magari facendosi arrestare per un paio di settimane da trascorrere al gabbio.Penso lo aiuterbbe a riflettere ed evitare di scrivere stupidaggin

    Report

    Rispondi

  • ludvig53

    06 Ottobre 2012 - 09:09

    potremmo avvisare la finanza che ci sono gli altri da controllare ?? non capisco perche' gli impediscono le merendine e bibite gassate: io gli riempirei la cella (la grande abbuffata) con tognazzi e c.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    06 Ottobre 2012 - 09:09

    Il medico doveva triplicargli la dose...sino a farlo schiattare!

    Report

    Rispondi

  • antari

    05 Ottobre 2012 - 19:07

    come Gabriele Mora. E poi fategli pagare il conto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog