Cerca

Rotelle roventi

Roma, centurione impazzito danneggia balaustra del Bernini

Un milanese di 30 anni, già noto alle forze dell'ordine, ha aggredito i vigili urbani e poi cercato atti autolesionistici. Necessario lo spray urticante per fermarlo

Prima di accanirsi sulla chiesa, l'uomo aveva aggredito due turiste in zona Colosseo
Roma, centurione impazzito danneggia balaustra del Bernini

E' entrato in una chiesa barocca del centro di Roma ancora vestito da centurione. Era "fuori di sé", come lo hanno descritto i testimoni. Ha urlato e sbraitato contro parroco e presenti, ha danneggiato arredi sacri del XVII secolo, ed è stato poi ammanettato a fatica dai vigili urbani dopo una colluttazione. Portato negli uffici della Polizia municipale, ha dato di nuovo in escandescenze, aggredendo tre agenti e compiendo gesti autolesionistici, costringendo i poliziotti al ricorso allo spray urticante per immobilizzarlo.

Il centurione folle - Un milanese di trent'anni, già noto alle forze dell'Ordine come figurante centurione nella zona del Colosseo (protagonista di atti di autolesionismo per sottrarsi alla polizia) si trova agli arresti e dovrà rispondere di interruzione di funzione religiosa, offesa a luogo di culto, danneggiamento aggravato, minacce, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. A fare le spese delle sue intemperie è la chiesa di Santa Francesca Romana, dove risulta danneggiata una balaustra seicentesca attribuita al Bernini. A richiedere l'intervento dei vigili è stato lo stesso parroco, dopo che anche due turiste italiane nei pressi della chiesa erano state aggredite dal centurione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    24 Novembre 2012 - 17:05

    Finirà l'opera interrotta

    Report

    Rispondi

  • thorglobal

    24 Novembre 2012 - 17:05

    Ormai in italia una buona percentuale di giovani hanno il cervello fuso da droghe varie e alcool.Per molti l'unica aspirazione è lo sballo.Tra governi incapaci e tv che amplifica l'effimero non rimane che cantare il de profundis.

    Report

    Rispondi

blog