Cerca

Il ritorno

Regione Lazio, Storace si candida: "Pdl, sostienimi"

Il leader de La Destra, già governatore dal 2000 al 2005: "Oggi giganti del consenso non ci sono, tocca a noi. La Polverini merita rispetto, ma basta scandali"

Regione Lazio, Storace si candida: "Pdl, sostienimi"

 

Francesco Storace si ricandida alla presidenza della Regione Lazio e lancia un appello al Pdl: "Da oggi sostenetemi". Il leader de La Destra, già governatore alla Pisana dal 2000 al 2005, ha annunciato la propria candidatura domenica mattina al teatro Olimpico: "Sono pronto alla sfida. Nelle poche settimane trascorse dall'indizione delle elezioni, in tanti mi hanno chiesto di riprovarci; gli stessi sondaggi sono assolutamente lusinghieri; è una partita difficile ma non impossibile. A Roma ritroveremo la destra che non si è arresa neppure nei cinque anni di esilio parlamentare". Ma la sua candidatura per le elezioni che si terranno, salvo election day, il 3 e 4 febbraio prossimi, non è rivolta solo all'ala destra dello schieramento politico. "O c'è in giro un gigante del consenso che ancora non si è manifestato, oppure tocca a noi. Io non ho timore di annunciare qui la mia ricandidatura a presidente della Regione Lazio. Al centrodestra dico: da domani sostenetemi". Il centrodestra è naturalmente il Pdl, a pezzi in regione dopo le dimissioni di Renata Polverini e lo scandalo dei finanziamenti venuto a galla con Franco Batman Fiorito. ''Se avete uno piu' bravo di noi, bene - ha aggiunto - Altrimenti venite con noi, salite su questo convoglio e andiamo a vincere''

"Mai più scandali" - E proprio alla Polverini dedica un pensiero ("E' una combattente che merita rispetto") prima di commentare gli ultimi scandali. "Quello che è accaduto in Regione non dovrà mai più accadere. Non dovrà mai più accadere neppure in Parlamento, come col caso Lusi. Non dovrà mai più accadere neppure con la sinistra del caso Penati". "La responsabilità penale è personale - ha aggiunto Storace - e certo non farò strumentalizzazioni con la sinistra, che si opponeva in questi anni alla giunta Polverini con Vincenzo Maruccio (il tesoriere Idv indagato, ndr), solo per ribaltare le accuse che hanno riguardato Fiorito. Serve etica politica. Torni l'esempio, la virtù nel servire le istituzioni e i cittadini. Per quello che ci riguarda aspiriamo a una campagna elettorale sobria. Anche noi organizzeremo cene di autofinanziamento - ha concluso il segretario de La Destra - ma la nostra cena di gala la faremo, ad esempio, venerdì prossimo, in una pizzeria".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 1932balbuziente

    01 Gennaio 2013 - 13:01

    Per il deficit della Regione Lazio tutti i partiti dovrebbero fare il mea cupla ma in particolare le giunte di sinistra a partire di cui l'ultimo presidenteil cd MARAZZO che anzichè pensare al bene della regione pensava al bene del suo cu...o

    Report

    Rispondi

  • lopocu

    11 Dicembre 2012 - 13:01

    Ma è possibile che in questo Paese non ci siano più persone che possano rappresentarci degnamente. Ora io dico che ci vuole una bella FACCIA TOSTA a ripresentarsi dopo che la sua precedente gestione è stata completamente fallimentare (la Polverini ha detto che ha trovato un passivo di 10 mld). Stiamo ancora pagando (abbiamo con quelle comunali le aliquote più alte) perchè in questo Paese noi lavoriamo facendo un gran mazzo e loro sperperano perchè non sono capaci (basta vedere la qualità dei servizi). Se dovesse essere rieletto rilasci una bella FIDEJUSSIONE a favore della REGIONE LAZIO in modo che anche lui possa pagare con qualche suo cespite. Magari spenderà con meno facilità e gestirà con maggiore responsabilità.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    09 Dicembre 2012 - 19:07

    ha già fatto danni e deficit nel lazio, Storace, gestendo le mie tasse ed i miei servizi visto che io abito nel lazio. A lui, misero politico, è seguito l'ignobile mezzobusto Rai, Marrazzo. Oggi c'è la Polverini, altra truffa sociale che mentre regalava vitalizi aumentava costestualmente le accise regionali sui carburanti.... che ha portato la truffa dei soldi ai partiti da un milione a 19 milioni... e chissà poi quali altre disgrazie avrà fatto visto che a noi arrivano solo le bestialità maggiori. Ora Storace ci riprova ? E' un'offesa all'intelligenza dei cittadini. Voglio Bondi come candidato, il Bondi di parmalat, il Bondi che stà ripulendo la sanità laziale dagli sprechi e dalle convenzioni d'oro con il doppione santiario del maledetto vaticano, un doppione inutile che grava su di NOI. Voglio Bondi, e non miserabili incapaci senza arte nè parte, perchè non voterò nessuno che non sia innanzitutto un manager, e anche di provata abilità.

    Report

    Rispondi

blog