Cerca

Protesta o scherzo?

Roma, l'autobus Atac con la scritta: "Vaffanculo"

Roma, l'autobus Atac con la scritta: "Vaffanculo"

Un bel vaffa... a caratteri luminosi al posto del solito numero. Probabilmente una protesta contro il Comune. Al capolinea Atac del 224 a Piazza Augusto Imperatore, accanto all'Ara Pacis nel centro di Roma, un autobus fermo, vuoto e con le porte aperte, sfoggia per esteso quello che fino ad oggi potevamo vedere solo nei fotomontaggi elaborati dal web: "Vaffanculo", appunto. A riportare la notizia è stato il giornale romano Il Messaggero. È più probabile che sia una forma di protesta che uno scherzo, ma la prudenza è d'obbligo.

Protesta o scherzo? - Dopo che la famosissima parola è apparsa sul display dell'autobus fermo al capolinea, un altro mezzo è arrivato. Questa volta con il canonico numero. Il conducente è sceso per capire cosa succedesse. Immaginare che si sia trattato di una bravata di qualcuno che con l'Atac non ha nulla a che fare: qualcuno sarebbe dovuto salire sulla vettura e aver messo le mani al computer di bordo, modificando il numero e inserendo la parolaccia. Dunque è più facile pensare ad una protesta, anche perché tra l'Atac e il Comune, si sa, non corre buon sangue.

"Onore al Duce" - Il tavolo della trattativa del settore per il rinnovo dei contratti e contro i tagli è stato molto caldo, anche se l'ultimo sciopero annunciato dai sindacati era stato poi annullato. Non è la prima volta che nella capitale appaiono scritte "curiose" sui display degli autobus dell'Atac, ma mai era apparsa quella in questione. L'ultimo episodio risale a qualche giorno fa quando nella rimessa di Acilia è stato avvistato un autobus con la scritta "Onore al Duce" sul display, foto pubblicata sul blog Non leggerlo. Un episodio su cui Atac spa ha aperto un'indagine interna per accertare le responsabilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • babbone

    10 Aprile 2014 - 18:06

    Il capolinea era a piazza montecitorio.

    Report

    Rispondi

blog