Cerca

La battaglia di Vladimir

Luxuria aggredita da una quindicina di maghrebini: "Ti ammazziamo"

Vladimir Luxuria

Ha dichiarato guerra agli spacciatori del quartiere di Roma dove vive, il Pigneto, e ieri hanno provato a farglila pagare. Vladimir Luxuria ha subito l'aggressione da parte di una quindicina di maghrebini che l'avrebbero circondata, insultata e minacciata. E' finita bene solo per miracolo.
Tutto è iniziato verso le 19 quando l'ex parlamentare dalla finestra del suo appartamento ha visto l'ennesimo via vai di giovanissimi, anche minorenni, in cerca di droga. "Dovete piantala di spacciare, andatevene via", avrebbe gridato Luxuria ai pusher. Questi hanno iniziato a dirle di tutto: "Hanno detto cose terribili", ha raccontato al Messaggero, "che mi avrebbero sgozzato e che così come io potevo vendere il mio corpo loro potevano vendere la droga. Una follia".
Luxuria non si è lasciata intimorire ed è scesa in strada per prenderli di petto: "Non ci ho pensato due volte. Ho detto le stesse cose che avevo urlato dalla finestra. Loro non ci hanno visto più, mi hanno circondato e spintonata. Questa volta ho davvero avuto paura, perché potevano farmi del male". Un ragazzo che era all'interno di una birreria è intervenuto per difenderla, ma i malintenzionati hanno preso di mira anche lui. "Vai via o ammazziamo anche te", gli avrebbero detto secondo il racconto della ex parlamentare.
Sul posto è poi giunta la polizia, ma nel frattempo il gruppo di aggressori era scappato. "Ho paura", afferma ancora scossa l'attivista, ma non sembra intenzionata a mollare. "Io amo la mia abitazione e non vorrei essere costretta a lasciarla. Spero di non esservi obbligata e di sentirmi invece protetta dallo Stato. Comunque dovrò modificare la mia vita. Mi sono esposta, sanno dove abito e quindi dovrò stare più attenta. Il Pigneto era un angolo di paradiso, ma ora è vittima di una vera e propria occupazione del territorio da parte degli spacciatori con risse continue. Lo Stato deve fare qualcosa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Logmain

    01 Luglio 2014 - 09:09

    Almeno lei ha avuto il coraggio di affrontare personalmente gli spacciatori. In un mondo dove una donna può essere violentata sotto gli occhi indifferenti e vigliacchi degli altri passeggeri direi che merità un certo rispetto.

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    01 Luglio 2014 - 09:09

    che fai ce lai con loro perché spacciano ,prima fai di tutto per farli venire a casa di altri ,poi quando vengono a casa tua non li vuoi più ,troppo comodo cosa pensavi se non ce lavoro per gli Italiani loro devono pur mangiare e quello sanno fare ,tu piuttosto perché non ti sei comprata una bella dose invece di scacciarli perlomeno potevano mangiare e lasciarti in pace.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    01 Luglio 2014 - 01:01

    "Dovete piantarla di spacciare, andatevene via"… perché non dice la stessa cosa anche ai trans che infestano le strade anche sotto gli occhi dei bambini?

    Report

    Rispondi

  • druidino1966

    01 Luglio 2014 - 01:01

    Prima si è battuta per farli entrare tutti, e adesso che infestano i suoi paraggi si lamenta? Ahhhh come godo! Vittima delle sue stesse politiche immigrazioniste!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog