Cerca

Ora sono indagati per omicidio colposo

Roma, 20enne muore per un tumore alla gamba: secondo i medici, era una frattura

Roma, 20enne muore per un tumore alla gamba: secondo i medici, era una frattura

Morto per un tumore osseo, che per i medici però era una frattura al ginocchio destro. E' la triste vicenda di Domenico Natale, 20 anni, romano, scomparso lo scorso 30 ottobre all'ospedale Regina Elena della capitale: ora Felice Carsillo e Riccardo Ricci, medici della casa di cura "Nuova Itor", sono indagati per omicidio colposo. La vicenda comincia il 4 maggio, quando Domenico Natale viene sottoposto ad una visita di controllo alla gamba. Il medico Carsillo dispone le radiografie, e dai risultati delle lastre conclude che il giovane ha una frattura al ginocchio, nonostante Carsillo dica al medico di non aver mai avuto contrasti seri, ed essere sempre uscito dal campo senza avvertire dolori.

La fine - Il 28 maggio Domenico Natale viene operato per la sospetta frattura: l'intervento chirurgico porta tuttavia effetti devastanti, dato che il tumore si espande rapidamente e a giugno, i medici si accorgono della presenza di numerose metastasi. Ma l'intera gamba, ormai è compromessa, e anche l'amputazione è inutile: giovedì scorso, alle 4 del mattino, Domenico è morto. "Gli ho nascosto fino all'ultimo che sarebbe morto - dice Pino Natale, padre dello sfortunato 20enne - perché volevo vederlo sperare sempre". Ora il pm Mario Ardigò ha imposto l'aggravamento delle accuse a carico dei due medici: da lesioni gravissime a omicidio colposo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    05 Novembre 2014 - 07:07

    Questo e molti altri casi noti o nascosti sono il risultato di una sanità marcia, paradiso della corruzione. Tutto passa sotto l'eufemistico nome di MALASANITA' cioè nessuno . In realtà sono veri e propri OMICIDI COLPOSI ma che in questo paese restano assolutamente impuniti. I danni alla salute quanto alla economia nazionale iniziano dalla base.Dal"medico della mutua" 8 su 10 un incapace

    Report

    Rispondi

  • genevieve

    04 Novembre 2014 - 18:06

    Tranquilli , saranno assolti tutti, date tempo al tempo : i morti non hanno voce...Cucchi insegna.

    Report

    Rispondi

  • massimo1954

    04 Novembre 2014 - 18:06

    Gli italiani,dovrebbero indignarsi per questo caso e molti altri di malasanità e non,indignarsi per l'orsa morta in Trentino,chiedere interrogazioni,dimissioni di questo e di quello.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    04 Novembre 2014 - 14:02

    Questi non sanno distinguere tra le emorroidi e le tonsille.Siamo messi bene.

    Report

    Rispondi

blog