Cerca

L'ideona

A Roma la prima zona a luci rosse riservata alle prostitute

A Roma la prima zona a luci rosse riservata alle prostitute

Il primo quartiere a luci rosse in Italia nascerà a Roma entro tre mesi. La sperimentazione targata giunta Marino ha individuato al quartiere Eur una strada nella quale la prostituzione sarà tollerata.

Recupero sociale - L'operazione secondo gli amministratori del IX municipio romano dicono sia a sfondo sociale. Per ora è chiaro che il progetto costerà 5mila euro al mese per pagare le unità di strada, gli operatori sociali che seguiranno le ragazze nei loro bisogni e proveranno a tutelarle dagli sfruttatori.
Lontano dagli occhi - Secondo l'huffingtonpost.it l'idea è di allontanare le prostitute dal centro abitato. La pia speranza del presidente del IX municipio, Andrea Santoro, è di frenare il fenomeno della prostituzione imponendo multe fino a 500 euro per quei clienti indisciplinati, scoperti fuori dall'area autorizzata.

Esasperati - Santoro racconta come oggi le prostitute sostino indisturbate sotto le abitazioni ogni sera e il giorno dopo: "In ogni angolo del quartiere, ritroviamo le strade piene di preservativi usati gettati per terra". Non proprio quindi una zona a luci rosse, come già presenti in altre città europee, l'idea assomiglia più a un bel recinto nelle campagne romane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    08 Febbraio 2015 - 16:04

    Si la proposta del cittadino marino è una possibilità di farne la Roma Capitale della prostituzione!!!! Ma cosa dice e cosa dicono...non si può dare possibilità di farlo nel quartiere in questo caso Eur!! E chi vive in quel quartiere che cosa deve dire? Grazie marino e poi chi è proprietario di una casa che poi si svaluta che tipo di IMU deve applicare? Aprisse invece le caserme in disuso e mettic

    Report

    Rispondi

  • encol

    07 Febbraio 2015 - 10:10

    Il "moralista" Marino ora fa il il magnaccia? Come al solito lo fa male

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    06 Febbraio 2015 - 22:10

    Imbecilli di politici riaprite i bordelli come fanno il resto del Europa

    Report

    Rispondi

  • Italotrend

    06 Febbraio 2015 - 21:09

    L'idea non sarebbe male... Ma serve il numero chiuso sennò ne arrivano migliaia!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog