Cerca

Fatto fuori

Giubileo, il governo scarica Ignazio Marino: commissariato, l'evento sarà affidato a Franco Gabrielli

Ignazio Marino

Al sindaco dei disastri, Ignazio Marino, stanno per togliere il Giubileo. La notizia è nascosta nella bozza del "decreto del presidente del Consiglio dei ministri per il raccordo operativo tra le amministrazioni coinvolte nella realizzazione del Giubileo straordinario della misericordia". Una bomba, esplosa nella serata di giovedì. I poteri per la gestione dell'evento dovrebbero essere affidati al prefetto Franco Gabrielli. Uno schiaffo, per Marino: basti pensare che in occasione del Giubileo del 2000 fu incaricato l'allora sindaco, Francesco Rutelli, di gestire l'appuntamento. La bozza del decreto doveva essere discussa nel CdM di giovedì pomeriggio, ma così non è stato: il braccio di ferro è ancora in corso.

"Armonica integrazione" - La bozza, però, è arrivata in Campidoglio, e prevede, come detto, il ruolo di coordinatore per Gabrielli. Al prefetto, insomma, va la regia. La bozza recita: "Al fine di assicurare il regolare svolgimento del Giubileo straordinario della misericordia in un contesto di armonica integrazione con le esigenze della cittadinanza, il prefetto di Roma, anche in attuazione delle direttive impartite dal presidente del Consiglio dei ministri o dai ministri da lui delegati, prevede, per la durata dello stesso Giubileo, ad assicurare il raccordo operativo tra le attività delle amministrazioni dello Stato interessate e le funzioni svolte dalla Regione Lazio, dalla città metropolitana e da Roma Capitale".

Marino scaricato - Travolto dagli scandali di Mafia Capitale, il governo non punta più su Marino. A rendere ancor più duro schiaffo, il fatto che tra il sindaco di Roma e Franco Gabrielli, e non è certo un mistero, i rapporti siano tutt'altro che rosei. Come detto, però, al momento si tratta soltanto di una bozza. Lo slittamento rispetto al termine previsto di giovedì è con tutta probabilità dovuto allo scontro politico in atto: l'obiettivo (di alcuni) è evitare il commissariamento del sindaco, che verrebbe così svuotato della sua autorità e, di fatto, "archiviato" dal governo targato Pd, lo stesso Pd con cui Marino fu eletto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Joachim

    13 Giugno 2015 - 08:08

    Che il giubileo se lo accolli il papa.

    Report

    Rispondi

  • gosel

    12 Giugno 2015 - 22:10

    Finalmente Renzi ne fa una giusta, meglio tardi che mai!!!

    Report

    Rispondi

  • RULI5646

    12 Giugno 2015 - 19:07

    Certo che se Marino se ne va i poveri Pellegrini che arriveranno a Stazione Termini non troveranno più il signore che defeca o quelli che poco più in là scopavano in pieno giorno su un letto di spazzatura. Cosa gli resterà da vedere ? Il Colosseo pulito ? Ma che schifo !

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    12 Giugno 2015 - 17:05

    Se ha un minimo di amor proprio e di dignità politica dovrebbe dimettrsi!!Il suo partito non lo ritiene adatto e adeguato all'evento!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog