Cerca

Marziano ovunque

Gay Pride a Roma, gli omosessuali contestano Ignazio Marino: "Non ci rappresenti"

Gay Pride a Roma, gli omosessuali contestano Ignazio Marino: "Non ci rappresenti"

"Marino tu non sei il nostro sindaco, noi ci rappresentiamo da soli". Per Ignazio Marino piove sul bagnato: accerchiato dall'inchiesta Mafia Capitale, il sindaco di Roma viene contestato anche dagli omosessuali. Una beffa per uno dei primi cittadini più attivi ed esposti nella lotta per i diritti gay. La protesta va in scena al Gay Pride romano, a cui Marino ha partecipato mettendosi ben in testa al corteo della tradizionale parata. A poco è valsa però la trascrizione delle unioni civili, eterosessuali e omosessuali, nel registro del Comune che ha creato tra l'altro al sindaco del Pd non pochi guai con il Viminale. 


"Roma città dell'amore..." - La vetrina mediatica del Gay Pride sulla carta doveva servire a rilanciare il gradimento del "sindaco-marziano", soprattutto a sinistra. Si è rivelato l'ennesimo autogol. "Oggi è un giorno importantissimo per Roma - spiegava prima del corteo il sindaco -. Rispetto all'anno scorso siamo qua per festeggiare: Roma, la nostra capitale, la città dell'accoglienza, la città che crede nell'amore, ha fatto delle promesse alla comunità rappresentata qui oggi pomeriggio e le ha mantenute tutte. Abbiamo fatto la nostra parte e oggi è un giorno di festa. A Roma l'amore conta e Roma mantiene le sue promesse". "E' evidente che il sindaco fa il sindaco e il parlamento fa il parlamento - continuava Marino -. Noi abbiamo utilizzato tutti i poteri che la città aveva e
lo abbiano fatto con grande determinazione e unità. Questa non è una sfida ma semplicemente riconoscere che tutti, proprio tutti, devono avere gli stessi diritti. Non cambiamo argomento perché oggi festeggiamo quello che abbiamo realizzato. A Roma l'amore conta". Dipende per chi, però.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • viola52

    15 Giugno 2015 - 07:07

    "Roma città dell'amore..." ....Roma città dei debiti e dei corrotti...altro che amore...

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    15 Giugno 2015 - 02:02

    Ma quanto è stato contestato al gay pride non ha alzato le braccia come segno di vittoria come fa lui? scaricato anche li?

    Report

    Rispondi

  • kidwiller

    14 Giugno 2015 - 16:04

    Marino sarà meglio che torni a fare il medico, sè capace, perchè a quanto vedo dove mette mano lui succede un disastro. Prima di rovinare Roma, i romani sè la sono proprio cercata, non è stato capace neanche di organizzare i suoi rottamati OPG che oggi sono allo sbando e sicuramente prossimamente leggeremo di qualche morto dovuto a tale incompetenza, sia per i malati che per qualche vittima.

    Report

    Rispondi

  • RULI5646

    14 Giugno 2015 - 16:04

    Però insisto su una cosa: il FACCIONE di MARINO come ICONA del GAY PRIDE è PERFETTO ! Poi dite che non è utile a nulla !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog