Cerca

La critica

Olimpiadi 2024, Beppe Grillo contro la candidatura di Roma: "Tiro del ratto, salto della buca e lancio della monnezza"

Olimpiadi 2024, Beppe Grillo contro la candidatura di Roma: "Tiro del ratto, salto della buca e lancio della monnezza"

Lo scandalo di Mafia Capitale non ha spento le velleità romane di ospitare i giochi olimpici del 2024. Oggi nell’aula Giulio Cesare si sono riuniti, insieme al sindaco Ignazio Marino, il presidente del Coni Giovanni Malagò, il presidente del Comitato promotore per Roma 2024 Luca Cordero di Montezemolo, il vicepresidente Luca Pancalli, la direttrice del comitato promotore Claudia Bugno e i capigruppo di maggioranza e opposizione appunto per discutere la candidatura di Roma, mentre il voto in Campidoglio si farà domani. Secondo Paolo Masini, assessore allo Sport e Scuola di Roma capitale, “la riunione rappresenta un passo avanti importante, le Olimpiadi rappresentano il futuro di questa città e la migliore risposta alle tante romane e ai tanti romani che credono in questo traguardo”. Non tutti però sono d’accordo con lui, soprattutto il leader del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo.

Roma, monnezza e topi – In un post sul suo blog, infatti, il comico genovese si è scagliato duramente contro la decisione della giunta Marino di candidarsi comunque ai Giochi: “Delle Olimpiadi romane - scrive - resterebbero solo gli scandali, già immaginabili, legati all'assegnamento degli appalti e allo stato pietoso delle infrastrutture cittadine, oltre ad alcune nuove specialità olimpiche ad hoc per l'occasione: dal tiro del ratto al salto della buca nell'asfalto, dal salto del tornello della metro al lancio della monnezza fino al tiro al bersaglio al Campidoglio”. Così i grillini domani voteranno contro la delibera comunale, ma anche il Codacons ha diffidato i consiglieri ad approvare la mozione se prima non è arrivata la decisione del Prefetto sullo scandalo di Mafia Capitale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldo delli carri

    24 Giugno 2015 - 19:07

    marino lavorava negli stati uniti in un istituto di ricerca, fu cacciato perché faceva la cresta sulle spese... questo è come saviano, un falso moralista, con quella faccia da ebete...sotto sotto fa i caz....suoi... roma è una città mafiosa è inutile nascondere l'immondizia sotto il tappeto e marino è stato messo per copertura......

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    24 Giugno 2015 - 15:03

    Potrebbero anche portare alle Olimpiadi, come nuovi giochi, la gara a chi mangia più pastasciutta e a ruba mazzetto, con altissime probabilità per l'Italia di portare a casa 2 trittici oro- argento e bronzo.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    24 Giugno 2015 - 14:02

    L'alieno. Mai definizione fu più azzeccata. Marino è un alieno, anzi è totalmente alieno dalla vita della città che dovrebbe amministrare. Ha fallito in ogni situazione. Alluvioni, smottamenti, manifestazioni. La viabilità è alla frutta. Il trasporto pubblico al collasso l'esazione fiscale in aumento. La città è sporca, direi lurida. Il puzzo, in alcune zone, asfissiante e lui fa finta di nulla!

    Report

    Rispondi

blog