Cerca

Orrore capitale

Roma, 18enne stuprata da un tunisino in pieno giorno: arrestato, non aveva il permesso di soggiorno

Diciottenne stuprata da un tunisino di 30 anni senza permesso di soggiorno: arrestato

Il 20 luglio scorso in pieno pomeriggio, una ragazza di 18 anni è stata violentata all'interno del deposito Atac di piazza Caballini al Pigneto a Roma da un uomo di 30 anni di origine tunisina. L'uomo, in Italia senza permesso di soggiorno e con documenti falsi e già noto alle forze dell'ordine per reati contro la persona e altri reati minori, avrebbe fermato la ragazza minacciandola con un coltello, per poi stuprarla in pieno giorno. La diciottenne, spaventata e sotto choc, è stata soccorsa dai dipendenti Atac che lavoravano nel deposito, che hanno prontamente chiamato l'ambulanza e i Carabinieri. All'ospedale le sono stati riscontrati i segni della violenza, nonché alcuni tagli sulle gambe determinati dal coltello con cui lo stupratore la minacciava. Alla ragazza inoltre il farabutto ha rubato la borsa e tutti i soldi, per questo le forze dell'ordine pensano a una rapina degenerata in stupro. Il trentenne tunisino di nome Bahari Akim è riuscito per qualche giorno a far perdere le sue tracce, ma la minuziosa descrizione della ragazza ha consentito agli agenti di trovarlo e arrestarlo. L'uomo ora è detenuto nel carcere Regina Coeli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ambastianelli

    19 Agosto 2015 - 21:09

    Impronte digitali a tutti e espulsione coatta con accompagnamento nel carcere di provenienza ,i centri ,si libererebbero in men che non si dica ,perche' ormai e' certo i profughi sono altri, sul nostro territorio abbondano i delinquenti, e fatela finita con l'aprire le porte in maniera indiscriminata....in Italia fin tanto che i politici non sono affetti da tali violenze tutto passa!

    Report

    Rispondi

  • gdecorti

    08 Agosto 2015 - 15:03

    E investire un po' meno nell'accoglienza indiscriminata e di più nell'espulsione coatta di chi non ha titolo per restare in Italia no?

    Report

    Rispondi

  • linebacker

    08 Agosto 2015 - 10:10

    tanto per il papa i delinquenti siamo noi!

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    08 Agosto 2015 - 09:09

    che cosa aspetta alfiano a mandarli a casa tutti ??? gli manca il quid cosi' gli italiani devono pagare le tasse per permetter ad alfiano e pinocchio di pagare 40 euro per ogno extra comunitario , ad organizzazioni di dubbia legalita'

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog