Cerca

Alè

L'assessore del Comune di Roma Stefano Esposito canta alla Zanzara: "Roma merda"

L'assessore del Comune di Roma Stefano Esposito canta alla Zanzara:

A Roma in tantissimi stanno ancora esultando per la vittoria all'Olimpico alla seconda giornata di serie A contro la Juventus. Tra quei tanti però non c'è l'assessore ai trasporti della giunta di Ignazio Marino, il parlamentare Pd Stefano Esposito, che già in passato aveva avuto qualche grana anche dentro il Pd proprio per la sua fede juventina e quel passato da ultras che fatica a mollarlo. per la sua fede juventina mai segreta. Nella puntata del 1 settembre della Zanzara su Radio 24, Giuseppe Cruciani (tornato in onda carico a pallettoni) non si è fatto scappare l'occasione e ha chiamato in diretta l'assessore ultras. Per capire la cifra del personaggio, basterebbe rircordare quel che scrisse su Twitter a giugno, subito dopo la sconfitta della sua Juve in finale di Champions league, mentre mezzo Pd (anti-juventino) esultava: "Godere per la sconfitta della Juventus è come essere impotenti ed esultare se qualcuno fa godere la tua donna". Ne sono seguite polemiche e sfottò ferocissimi anche con il romanista Matteo Orfini.

Beccato - Dopo un'altra cocente sconfitta bianconera, Esposito si è fatto convincere ad andare in diretta da Cruciani, che ovviamente lo ha subito trascinato sul suo passato da tifosissimo: "Andavo in trasferta a vedere la Juve - ha detto l'assessore della Capitale - tante volte ho gridato 'Roma merda. Non ricordo più nemmeno quante. Ho fatto anche qualche trasferta a Roma da ultà". L'occasione è ghiotta per Cruciani e Parenzo per inguaiare Esposito: "E come faceva il coro assessore? Canti, canti...", lui non si fa pregare: "E Roma merda, Roma Roma merda...".

Le risse - Lanciato nel viaggio dei ricordi, Esposito si sbilancia e racconta: "Ho fatto anche delle risse, ho dato delle botte ma soprattutto le prendevo...". Il senatore famoso anche per le sue posizioni pro Tav, non è tipo da farsi intimidire dall'essere circondato in Campidoglio da un intero popolo di romanisti e incalza: "Se la Roma non vince lo Scudetto godo. Ma sarebbe peggio se lo vincesse la Fiorentina o il Torino". E poi l'ultima frecciata proprio sui romanisti più "rosiconi" di tutti: "Sono anni che si lamentano di partite, linee, palle uscite o non uscite, siamo ancora a Turone. Basta!".

@juan_r

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Yossi

    03 Settembre 2015 - 23:11

    emerge quanto sia serio il PD, voglio sperare che quando ci saranno le elezioni i cittadini di Roma se lo ricordino

    Report

    Rispondi

    • sidereus40

      02 Ottobre 2015 - 12:12

      Pia illusione! Purtroppo il popolo è bue.

      Report

      Rispondi

  • ohmohm

    ohmohm

    03 Settembre 2015 - 22:10

    Marino non vedi che stai collezionando solo figure di mer.a? Ma non ti vergogni di fronte non solo all'Italia ma al mondo intero? Ma togliti dalle palle , va!

    Report

    Rispondi

  • eziocanti

    03 Settembre 2015 - 15:03

    Concordo in pieno con quanto asserisce "gdg101042"; analisi corretta, semplice e comprensibile perfino dai trinariciuti.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    03 Settembre 2015 - 12:12

    Il Sindaco torna tutto abbronzato e riposato dopo le vacanze negli USAa e si accinge a partecipare a una manifestazione che ha quasi del comico. Peccato che mentre lui si crogiolava la sole statunitense, i suoi concittadini fossero alle prese con i problemi di una città che il signore in questione proprio non riesce a risolvere. Se fosse realmente un onesto, Marino si sarebbe già dimesso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog