Cerca

Atto secondo

Bruno Vespa risponde a Ignazio Marino: "Auspica la mia rottamazione per esorcizzare la propria?"

Bruno Vespa:

Non ci sta ad essere offeso, così Bruno Vespa risponde a muso duro al sindaco di Roma, Ignazio Marino. Continuano le polemiche sulla puntata di Porta a Porta di due giorni fa che aveva come ospiti alcuni membri della famiglia Casamonica, puntata in cui si è parlato dei chiacchieratissimi funerali che hanno paralizzato la Capitale. "Invece di supporre, Marino faccia una telefonata a Renzi. È sicuro di trovarlo d'accordo con lui almeno su questo? La Vigilanza deciderà e io la rispetto. Ieri un parlamentare mi ha scritto: sono stato 19 anni in Vigilanza e non ho mai visto un caso del genere". Il conduttore sa benissimo dove andare a parare e colpisce dritto al cuore del rapporto che intercorre tra i due, sempre più ostile e poco chiaro nonostante le rassicurazioni del medico genovese. 

Roma nel caos - "Rispetto i sentimenti del sindaco. Sarebbe tuttavia interessante fare un sondaggio tra i romani: si sentono più offesi dalla trasmissione di Porta a Porta o dalle condizioni in cui si trova la città? O dal fatto che i vigili urbani sono intervenuti in forza al funerale di Vittorio Casamonica non per staccare i manifesti blasfemi o provocatori, ma per regolare il traffico in tilt?", ha incalzato il giornalista.

Replica divina - Intervistato dal quotidiano La Stampa, Vespa ha continuato l'affondo: "Auspicare la rottamazione degli altri per esorcizzare la propria può essere un buon esercizio di training autogeno. In vent'anni Porta a Porta ha sempre battuto i concorrenti che non erano gente di serie B. Il pubblico sceglie, ma è l’editore che decide". Il primo cittadino della Capitale aveva anche definito la sua trasmissione un atto di peccato per ogni cattolico ma Vespa non è rimasto in silenzio e ha prontamente replicato leggendo la parabola del fariseo e del pubblicano: "Dal Vangelo secondo Luca (18, 10-14): Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l'altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava tra sé: o Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adulteri e neppure come questo pubblicano. Il resto della storia è noto. Io non non sono così presuntuoso da sentirmi pubblicano, ma i farisei, e non mi riferisco a Marino, dovrebbero essere più prudenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • KAKTUSMIMMO1949

    12 Settembre 2015 - 11:11

    Carissimo dott. Vespa, Le ho scritto più e più volte diverse mail, ma sono state sempre cestinate senza neppure leggerle. Perchè.. merito davvero tanta indifferenza!!

    Report

    Rispondi

  • VICOVASTO

    12 Settembre 2015 - 11:11

    Bravo Vespa. Un modo elegante per rintuzzare un medico che, dopo vicissitudini dubbie, rientra in Italia, fa il sindaco con i risultati sotto gli occhi di tutti e si permette ancora di sputare sentenze; ah dimenticavo lui è ormai, a suo dire, quasi ANGLO SASSONE, domanda: su cose lo é? direbbe qualcuno dei tempi passati "ai posteri l'ardua sentenza"

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    12 Settembre 2015 - 11:11

    Bravissimo Vespa. È con battute come queste che si rimettono al loro posto le mosche cocchiere.

    Report

    Rispondi

  • KAKTUSMIMMO1949

    12 Settembre 2015 - 10:10

    Ieri alle 12:44 • IlSole24Ore.com: 8 Settembre 2015 FISCO: ORLANDI afferma che facciamo 20 mila denunce l’anno. Benissimo...complimenti..una analisi ineccepibile e precisa. Ma vediamo di commentarla con un pizzico di saggezza e verità. L'Agenzia delle Entrate fa un numero enorme di denunce penali per evasione, la Guardia di Finanza forse ancora di più, l'Inps non ne parliamo per il lavoro nero

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog