Cerca

Campidoglio

Caso Muraro, spuntano nuove intercettazioni. Ancora guai per l'ex assessore, cosa la inchioda

Caso Muraro, spuntano nuove intercettazioni. Ancora guai per l'ex assessore, cosa la inchioda

Paola Muraro ancora più a fondo nel pantano dei rifiuti. La posizione dell'ex assessore al Bilancio del Comune di Roma si aggrava dopo l'acquisizione di nuove intercettazioni di telefonate del direttore generale di Ama (la municipalizzata che si occupa di smaltimento rifiuti per cui lavorava la Muraro) Giovanni Fiscon, uno dei principali indagati del caso Mafia Capitale. Così grave che il suo legale, Salvatore Sciullo, ha rinunciato a difenderla in tribunale.

Come riporta Il Corriere, l'accusa più pesante riguarda l'attività della Muraro ai tempi in cui era una vera e propria manger (e non una semplice consulente) di Ama: forte della sua posizione, la donna avrebbe favorito la contraffazione dei dati sulla quantità e qualità dei rifiuti. Inoltre avrebbe fatto lavorare a regime ridotto gli impianti di Ama per favorire le ditte private.

Un'ombra anche sulla sua assunzione: in Ama esistevano persone qualificate per svolgere le mansioni poi andate alla Muraro, ma fu scelta lei anche se la legge impone di preferire figure interne a consulenti esterni. E l'abuso d'ufficio non termina qui. Fiscon avrebbe permesso che le spese legali della Muraro, che lo ha assistito nel processo, venissero pagate dall'azienda nonostante il codice dica che non sia possibile in caso di dolo e colpa grave (la situazione del direttore generale).

A breve gli atti del caso Paola Muraro saranno resi pubblici e i giudici propenderebbero per un processo con rito immediato. Si vedrà che decisioni prenderà Virginia Raggi, che ha sempre difeso il suo ex assessore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filadelfo

    30 Settembre 2016 - 12:12

    Mettetela come volete. So solo che da quando la Muraro ha preso in mano il problema della NU le cose nel mio quartiere (di periferia!!) sono cambiate molto. I cassonetti vengono svuotati giornalmente e se qualche sacchetto lo si trova fuori questo è dovuto al'inciviltà di vari cittadini. Con Marino ogni cassonetto: un porcile. E' un fatto! In Sicilia con bella espressione dicono: "Ca è 'a zita".

    Report

    Rispondi

  • filadelfo

    30 Settembre 2016 - 12:12

    Mettetela come volete. So solo che da quando la Muraro ha preso in mano il problema della NU le cose nel mio quartiere (di periferia!!) sono cambiate molto. I cassonetti vengono svuotati giornalmente e se qualche sacchetto lo si trova fuori questo è dovuto al'inciviltà di vari cittadini. Con Marino ogni cassonetto: un porcile. E' un fatto! In Sicilia con bella espressione dicono: "Ca è 'a zita".

    Report

    Rispondi

  • filadelfo

    30 Settembre 2016 - 12:12

    Quando si dice il caso. La Muraro fino a tre mesi fa era una dipendente Ama senza macchia e irreprensibile. Da quando ha accettato l'assessorato nella giunta Raggi la dipingono persona nefanda e invischiata in chissà quali intrallazzi. Che magistratura tempestiva ! Non sarà la paura di essere attenzionati dai PM a far sì che molti neghino la partecipazione alla giunta Raggi domando!

    Report

    Rispondi

  • filadelfo

    30 Settembre 2016 - 12:12

    Quando si dice il caso. La Muraro fino a tre mesi fa era una dipendente Ama senza macchia e irreprensibile. Da quando ha accettato l'assessorato nella giunta Raggi la dipingono persona nefanda e invischiata in chissà quali intrallazzi. Che magistratura tempestiva ! Non sarà la paura di essere attenzionati dai PM a far sì che molti neghino la partecipazione alla giunta Raggi domando!

    Report

    Rispondi

blog