Cerca

La sentenza

Cene e spese pazze in Campidoglio, assolto Ignazio Marino

Cene e spese pazze in Campidoglio, assolto Ignazio Marino

L'ex sindaco di Roma, Ignazio Marino, è stato assolto dalle accuse di peculato e truffa in relazione alla vicenda della spese pazze in Campidoglio. La Procura di Roma aveva chiesto la condanna a 3 anni e 4 mesi (il processo si è tenuto con rito abbreviato) ma Marino è stato assolto con formula piena.

"Sono felice, aspettavo questo esito perché sapevo di essere innocente", commenta visibilmente commosso Ignazio Marino, subito dopo la sentenza di assoluzione: "Ringrazio la giustizia, di fronte ad accuse infamanti e a comportamenti dei media e della politica molto pesanti, è stata finalmente ristabilita la verità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquineddu

    09 Ottobre 2016 - 09:09

    quindi, si può fare, ARRUBBARE non è reato! per un collegio giudicante iper-kolorato di un tribunale che di nebbie e 'sabbiature' è qualcosa di inimmaginabile! la nostra AGgiustizia non ha pari nel mondo!! L'inquirente che farà? Ricorrerà in appello? Perchè non riabilitare Fiorito, allora? Chiediamogli scusa - tutti - anche il PAPA, aveva dimenticato di averlo invitato in amerika, il fellone!

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    08 Ottobre 2016 - 16:04

    Ma che paese è mai questo?!! Assolto! Che le cene faraoniche esistevano è un fatto,che ci andasse con parenti e amici è un fatto ,che usasse soldi pubblici è un fatto.Una sentenza che autorizza per il futuro sperperi maggiori alla faccia dei contribuenti. Paese di merda

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    08 Ottobre 2016 - 08:08

    Che meraviglia, tra poco i giudici diranno che era una cima, mi chiedo come mai é stata richiesta una condanna a tre anni ed oltre dal pubblico ministeri ? Era un pazzo ? Temo che valga il famoso proverbio tra simili non si fanno male ........

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    08 Ottobre 2016 - 06:06

    Santo subito. Einaudi al suo confronto era un truffatore.Temo che i giudici abbiano voluto creare un precedente per poterlo imitare senza conseguenze.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog