Cerca

Annunziata

Ora anche lei suggerisce al Pd di governare con gli "impresentabili" Pdl

Bersani dopo il "no" di Crimi e Lombardi è costretto a governare grazie al voto di alcuni senatori poco graditi a sinistra. Altrimenti per lui è finita

Alfano e Annunziata

Alfano e Annunziata

Pier Luigi Bersani ormai è alla frutta. Testardamente ha voluto tenere dritta la barra e non cedere all'apertura del Pdl per un governo di larghe intese. Il segretario ha optato per una tattica kamikaze che nel mondo dei sogni prevedeva la spaccatura del Movimento Cinque Stelle al momento del voto di fiducia in aula. E invece le cose stanno in maniera diversa. Dopo il doppio schiaffo ricevuto da Roberta Lombardi e da Vito Crimi, l'unica via possibile perchè i democratici arrivino a palazzo Chigi passa per forza dal Pdl e dal centrodestra. I radical chic democratici storcono il naso davanto ad alcuni nomi che potrebbero, con il loro voto, fare da stampella al governo Bersani. Lucia Annunziata li ha definiti in modo poco elegante e irrispettoso come "impresentabili". Eppure ora, sul sito dell'Huffington Post da lei diretto, compare un articolo: "A Bersani non resta che il Cav". Insomma, anche l'Annunziata pare aver cambiato idea. Sull'Huffpost si spiega, numeri alla mano, che per la formazione del centrodestra non esistono altre strade possibili. 

Ecco gli impresentabili - Per la formazione di una maggioranza si ipotizza l'appoggio del gruppo Gal al Pd. Si tratta di uomini di centrodestra, cinque di Grande Sud e Movimento per le Autonomie di Gianfranco Miccichè e Raffaele Lombardo. L'ex ministro dello Sviluppo nel governo Berlusconi III assicura: "Faremo quel che ci dice il Cavaliere". All'orizzonte c'è un accordo politico "laterale", con il Gal che vota compatto la fiducia e la Lega Nord che esce dall'aula e l'appoggio, non esplicito, di Berlusconi e del Pdl. Fantapolitica, al momento. Ma scenari più plausibili se Bersani fallisse al primo giro. Poi non bisogna dimenticare le parole di Domenico Scilipoti, altro senatore "chiave" del Pdl. Pochi giorni fa aveva detto: "Bersani si è infilato in una strada senza via d’uscita, o cambia atteggiamento o sarà l’unico responsabile del dissesto del nostro Paese, e dovrà spiegare agli italiani il motivo per il quale pur di non aprire un confronto con il Pdl preferisce portarci al fallimento. In questo momento in Italia –conclude - ci sono milioni di famiglie e di piccole e medie imprese in difficoltà che chiedono un atto di responsabilità alla politica che conduca il Paese fuori da questo momento di grave difficoltà, il segretario del Pd mostri, per una volta, di aver a cuore gli interessi del Paese invece che gli interessi di partito".

Prove di intesa -  Insomma un esplicito endorsement ad un esecutivo di garnde coalizone con nomi e punti programmatici che tengano conto anche del peso politico del Pdl. Insomma c'è un paradosso di mezzo. Bersani potrà governare con quei voti di qugli "impresentabili" che tanto ha criticato. E prova ne è  il fatto che alla Camera il Pd ha concesso al Pdl la presidenza di una commisisone per le riforme guidata da Angelino Alfano. La trattativa si gioca anche sui nomi per il Colle e su un elenco condiviso di provvedimenti economici con un calendario già stabilito per le votazioni in aula. Bersani deve decidere in fretta. Ma gli "impresentabili" hanno già vinto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ATROPO

    28 Marzo 2013 - 01:01

    QUINDI MAI CON LA ANNUNZIATA. Cara stipendiata dalla Rai, quindi da noi, non costringermi a dare ragione a Battiato...un po' di dignità...ci hai dato degli impresentabili ed ora che ti manca la terra sotto i piedi vieni a mercanteggiar proposte che fino a poco tempo fa ti parevano oscene ???? Ma va' con lo smacchiatore, va'....

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    27 Marzo 2013 - 18:06

    Questa specie di signora, non ha nulla da suggerire o consogliare a nessuno. Con la testa che si ritrova, ne ha più che a sufficienza di guardarsi allo specchio e suggerire a se stessa, ad esempio come essere educata, gentile e professionale. E' proprio vero che l'uomo discende dalla scimmia.....

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    27 Marzo 2013 - 17:05

    un esecutivo coeso unito (che si tappi il naso le orecchie la bocca) di transizione a tempo per fare le riforme necessarie e velocemente poi tra 2 anni al voto. gli ITALIANI nel frattempo avranno ragionato sul da farsi .diamo un vaffan... forte a grillo e soci occulti.

    Report

    Rispondi

blog