Cerca

Vergogna a Roma

La boy scout di 16 anni che ha accoltellato l'immigrato: "Ecco come voleva stuprarmi"

1
La boy scout di 16 anni che ha accoltellato l'immigrato: "Ecco come voleva stuprarmi"

Un tentato stupro finito nel sangue, quello dell'aggressore. È la 16enne romana a raccontare in prima persona, al Messaggero, gli attimi di terrore in cui si è accorda che un 28enne immigrato bengalese ha cercato di stuprarla in strada tra i quartieri Montesacro e Tufello, in strada. "Stavo tornando a piedi verso casa, ho visto all'improvviso quell'uomo sbucare dal nulla, mi guardava, mi fissava, ma io andavo dritta per la mia strada. E giù apprezzamenti pesanti. Dove vai bella... Stai con me... e volgarità irripetibili. Camminavo veloce, col cuore in gola, poi mi sono sentita afferrare, sbattere contro la serranda di un negozio. Ho avuto paura di morire. Sentivo le sue mani dappertutto". La ragazzina, boy scout, ha però avuto la freddezza e la prontezza per reagire: "Mi sono ricordata che avevo in tasca da qualche parte il coltellino da boy scout. Non so nemmeno io come, ma l'ho preso e ho cominciato a dare colpi alla cieca finché quello mi ha mollato e ha cominciato a trascinarsi via in una pozza di sangue". L'uomo, Mohammed Mamun Karim, è un bengalese senza fissa dimora con un precedente di furto. Ha avuto l'arteria femorale recisa, è in ospedale in stato di arresto.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu_ing

    23 Giugno 2017 - 18:06

    mandatelo in convalescenza a casa della boldrini

    Report

    Rispondi

media