Cerca

A Roma

Abbandonato in auto a due mesi
per giocare alle slot machines

Lei lo allatta, poi raggiunge il marito: vengono visti e denunciati

Abbandonato in auto a due mesi 
per giocare alle slot machines

Un neonato di soli due mesi, solo in auto, abbandonato dai genitori che dovevano giocare alle slot machines. Per questa ragione due romani di 26 e 30 anni sono stati denunciati dalla polizia: l'accusa è quella di abbandono di minori. L'episodio risale all'alba di sabato mattina: intorno alle 6 i dhe hanno parcheggiato di fronte a un locale di via Settebagni, nella periferia nord della Capitale, per poi dirigersi all'interno della sala giochi. Il primo a scendere è stato il padre, pochi minuti dopo lo ha raggiunto la madre che nel frattempo aveva terminato di allattare il piccolo, lasciato in auto, nella culla.

La denuncia - La scena ha attirato l'attenzione di una guardia giurata, che ha chiesto spiegazioni alla donna: lei ha affermato che stava andando a chiamare il marito. Ma una volta all'interno della sala, i due hanno continuato a giocare alle macchinette mangia-soldi. I titolari del locale hanno allertato la polizia, che è intervenuta con alcuni agenti delle Volanti. I poliziotti hanno ordinato ai genitori di aprire l'auto per verificare lo stato del neonato, che era in buone condizioni. Per i due è scattata la denuncia per abbandono di minore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • grooltor

    19 Maggio 2013 - 21:09

    Che se ne tornino al loro paese! Cosa ne dice la Cancellieri (nata a Roma)? Si deve dimettere immediatamente! Suona male, vero? Riflettete, se ne siete capaci. Ipocriti!

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    19 Maggio 2013 - 14:02

    ministri foraggiati con il pelo sullo stomaco

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    19 Maggio 2013 - 13:01

    Lo stato becca un sacco di soldi dunque non c'è alcun problema.

    Report

    Rispondi

  • Beauty

    19 Maggio 2013 - 12:12

    sono i fatti su cui protestare e polemizzare, non l'ombrello di Obama.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog