Cerca

Il gran rifiuto

Roma, Marino non partecipa al Gay Pride: è polemica

Il neo-sindaco di Roma declina l'invito a partecipare al corteo: "Voglio riposarmi e stare con i miei cari". E' polemica: "Offendi gli omosessuali"

Ignazio Marino

Ignazio Marino

Riposo. Assoluto riposo. Questa l'irrevocabile decisione presa dal sindaco di Roma, Ignazio Marino, che sabato 15 giugno non parteicpierà al Pride 2013, la manifestazione dell'orgoglio omosessuale. Meglio stare a casa, anche perché la fatica della salita in Campidoglio con la bicicletta ha lasciato degli strascichi (non solo fisici: il Corriere della Sera, il Foglio e il Giornale con Vittorio Feltri hanno punzecchiato il "radicalchicchismo" del sindaco pedalatore. La bicicletta, insomma, assomiglia molto di più a una bandiera politica che a un'abitudine).

Il gran rifiuto - Ma ora a tener banco non sono le due ruote, bensì il gran rifiuto. Niente sfilata nel corteo omo. "Il sindaco MArino ha declinato il nostro invito per trascorrere qualche giorno in famiglia - questa il piccato commento degli organizzatori -. Una risposta irrispettosa e offensiva nei confronti di una comunità che si batte da anni e domani scenderà in piazza proprio per vedere riconosciuti i diritti, la visibilità e la dignità delle proprie famiglie". Già, Marino per trascorrere il sabato ha scelto la sua, di famiglia. Al suo posto, per partecipare all'evento, ha delegato Luigi Nieri, consigliere capitolino di Sinistra Ecologia e Libertà. Nieri, si è appreso in una nota del Campidoglio, consegnerà agli organizzatori del Roma Pride un messaggio di Marino.

Le proteste - La polemica è appena iniziata. La proseguono gli organizzatori: "Siamo molto delusi da questa scelta che denuncia una grave sottovalutazione di cosa sia il Pride per Roma, e siamo fiduciosi che il Sindaco sappia comprendere l'importanza che avrebbe la sua presenza per una comunità che troppo spesso non riceve risposte credibili dalle Istituzioni e dai suoi più importanti rappresentanti". Entra poi in campo il portavoce del gay center, Fabrizio Marrazzo: "Marino fissi al più presto un incontro con le associazioni lgbt (lesbo, gay, bisex, trans, ndr) per discutere delle proposte che gli sono state rivolte". E ancora, il Circolo Mario Mieli: "Ci sembra una falsa partenza e un brutto segnale nei confronti di Roma e di una comunità importante che ha contribuito in modo rilevante alla sua vittoria".

"Voglio stare in famiglia" - Come detto, Marino ha spiegato alla stampa di voler trascorrere del tempo in famiglia, con la sua famiglia. Le fatiche elettorali sono state appena archiviate, mentre della faticaccia per la sua passerella in bicicletta fino al Campidoglio ne abbiamo già parlato. Il neo-sindaco vuole riposarsi, e preferisce la sua casa, la sua famiglia (tradizionale). Terribile affronto per la comunità omosessuale capitolina: "Oggi spiega alla stampa di voler trascorrere del tempo in famiglia, senza rendersi conto, forse, che questa motivazione rischia di essere persino offensiva nei confronti di chi le proprie famiglie non le vede in alcun modo riconosciute", chiosa il presidente del Circolo Mario Mieli, Andrea Maccarone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Cini

    16 Giugno 2013 - 10:10

    Faccio i miei complimenti al neo sindaco di Roma Marino che pur non avendo nulla contro i gay e rispettandone i dovuti diritti non ha atteso e partecipato a quella inequivocabile volgarissima disgustante scenata pubblica ironicamente chiamata " pride parade " ossia la parata dell'orgoglio. Biasimo allo stesso tempo la partecipazione della ministra Idem e in particolare quella della Presidente della Camera Boldrini che ha così profondamente indignato moltissimi cittadini. Non merita di occupare più la nobile posizione della Camera, torni nel suo Sel al più presto!.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    16 Giugno 2013 - 09:09

    Ma qualcuno a questo signore glielo ha spiegato che tre quarti dei romani o gli ha votato palesemente contro o lo ha completamente ignorato? Il sindaco meno votato d'europa. Eppure continua a grdare vittoria a promettere questo e quello a rilasciare dichiarazioni inutili quanto superflue. Dopo Rutelli, Veltroni e Alemanno ci mancava pure Marino.

    Report

    Rispondi

  • aldo delli carri

    16 Giugno 2013 - 07:07

    marino stai a casa e vai a lavorare in ospedale, fare il medico è una missione, io proibirei ai medici di candidarsi alle elzioni e di avere tessere di partito...chiedere voti al capezzale di un malato è VERGOGNOSO e lo è ancora di più propagandare di aver stravinto le elezioni comunali su solamente il 37% degli elettori...sei il sindaco di un'elit e non il sindaco dei romani, vai a lavorare in ospedale...

    Report

    Rispondi

  • perfido

    15 Giugno 2013 - 17:05

    ai quali documenterò la manifestazione dell'"orgoglio gay". Non si può mai sapere cosa ti riserva la vita. Non dimentica di riferire loro, che è stato eletto anche grazie a migliaia di voti dei gay.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog