Cerca

Campidoglio in panne

Marino, a Roma è già flop: sondaggio fasullo sui Fori Imperiali e rivolta dei vigili per le bici

Il sindaco della Capitale fa una gaffe dietro l'altra. Lancia un sondaggio sul web per la pedonalizzazione dei Fori, ma per votare basta una mail finta. Poi impone la bici ai vigli che rispondono: "Dacci le moto"

Ignazio Marino

Pedala, Marino, pedala...

Giunta Marino in alto mare a Roma. Il nuovo sindaco della Capitale vuole apparire come un amministratore vicino ai cittadini. Così si inventa anche una consultazione online per chiedere ai romani cosa ne pensano della pedonalizzazione dei Fori Imperiali. Ieri mattina un post del Comune sui social network, come racconta il Messaggero annunciava: "Volete esprimere la vostra opinione sul progetto di chiusura al traffico privato dei Fori Imperiali? Potete farlo compilando il questionario disponibile a questo link".

Sondaggio fasullo - Cliccando ecco la sorpresa: per votare era sufficiente inserire un qualunque indirizzo e-mail anche finto senza alcuna richiesta di autenticazione. Insomma il sondaggio era fasullo. Bastava inserire falsi dati per ottenere un risultato. Dal Comune di Roma e dallo staff di Marino parlano di "svista". I tecnici sarebbero già a lavoro per modificare le procedure per il voto. Dopo la segnalazione dell’errore il Campidoglio in appena tre ore dall’apertura del voto ha modificato le modalità di registrazione al sondaggio, includendo la verifica dell’autenticità della mai. Al momento hanno partecipato 8300 iscritti al sito di Roma Capitale e altri 207 utenti, ma dal Pdl si leva la voce del consigliere comunale Lavinia Mennuni, che parla di “sondaggio fasullo” e chiede a Marino “un vero referendum”.

Vigili in rivolta contro le bici - Ma le brutte notizie per Marino non finiscono qui. Anche il corpo dei vigili urbani è sul piede di guerra. Il sindaco, amante delle bici, vuole le due ruote in tutti i presidi della polizia municipale. Ma dal sindacato dei vigili arriva una forte protesta: "Servono moto e riorganizzazione del corpo, non certo biciclette”, afferma, al Messaggero Mauro Cordova, segretario dell’associazione europea di polizie locali, Arvu. "Mi viene subito da pensare a una cosa – spiega – come faremo ad assicurare le bici?. Chi sta in sella dovrà passare visite severissime – aggiunge Cordova – perché qualcuno potrebbe avere patologie cardiache e non saperlo".

Di pattuglia in bici? Infine arriva anche il dissenso di Luigi Marucci, presidente nazionale dell’organizzazione sindacale delle polizie locali Ospol: "L’abbiamo visto a Milano, a Napoli e in altre grandi città. Il vigile di prossimità è l’unica risposta possibile per dare un aiuto concreto a migliorare la qualità della vita di chi abita a Roma. Noi diciamo che le unità operative di quartiere devono avere i mezzi idonei, non certo la bicicletta. Ci vogliono le moto. Non dimentichiamo che lo scorso anno a Milano un vigile in bici è stato investito e ucciso da un’auto che tentava di fermare. Immaginiamo di dover pattugliare Tor Bella Monaca o Laurentino 38 o San Basilio su due ruote a pedali. A Roma vanno istituite le unità operative di quartiere, ma con moto e auto". (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dany69

    06 Agosto 2013 - 13:01

    Gli Italiani hanno gli Amministratori che si meritano va bene così in nome delle anemie ambientaliste tutti in bicicletta anche e soprattutto le forze dell'ordine, però mi chiedo i criminali et similia faranno lo stesso? E' un qualcosa che mi chiedo e non riesco a trovare una risposta, sicuramente un sapietne ed erudito ambientalista rigorosamente di sinistra me lo potrebbe far sapere grazie?

    Report

    Rispondi

  • dix mille

    05 Agosto 2013 - 13:01

    poveri infelici! se siete frustrati andate a fare sport non a scrivere cavolate! si dice che siamo in un paese libero di esprimere il pensiero come avete fatto , ma voi vivete in una bolla di sapone , col paraocchi e guardando studio aperto , voi non vi accorgete che l'italia guidata dal 2001 dal vostro idolo è a un passo dal baratro, va bè a meno che non siate famiglie benestanti ve ne accorgerete presto! tra l'altro preciso che quando ho detto paese libero non intendevi libero di frodare , andare dai capimafia e finanziarli , andare con escort minorenni , tenere illegalmente canali tv (vedi rete 4) , e se continuo stò qui tutto il giorno! viva la democrazia , viva la legalità! se non sognate l'italia pulita , potete fare bagagli e partire che non abbiam bisogno di gente che la rovina !

    Report

    Rispondi

  • Joachim

    05 Agosto 2013 - 07:07

    I PM che fanno politica e entrano in politica, i medici (falliti) che fanno il sindaco,i politici che fanno i banchieri ladri, le coperative non capitalizzate e malsane del partito che occupano l'industra, i Media anti-democratici, i partiti e i loro giornali falliti che non onorano i debiti e nascondono le proprietà sono il coacervo del sistema Italiano che usa la politIca per raggiungere gli scopi del KOMSUMOL....i.e. penetrare nel sistema paese ed instaurare il regime Komunista. L'UNICO BALUARDO E' SILVIO OGGI DOMANI E SEMPRE.

    Report

    Rispondi

  • biemme

    05 Agosto 2013 - 00:12

    questo fa il paio con Pisapia. Ma dove li tovano?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog