Cerca

Gli sviluppi

Baby squillo, si indaga sulle telefonate: vip, multinazionali e politici. E spunta un nome

Resta in carcere Sbarra, il rampollo capitolino "padrone" delle discoteche

Baby squillo, si indaga sulle telefonate: vip, multinazionali e politici. E spunta un nome

Più di trenta pagine di tabulati telefonici, e cinque indagati ancora in cella. Questo il bilancio attuale della vicenda delle baby squillo, le ragazzine dei Parioli, studentesse di giorno e prostitute di notte. Da giorni i Carabinieri del Nucleo investigativo esaminano la provenienza di quelle chiamate, che legano a doppio filo le due ragazzine minorenni a clienti e sfruttatori. La maggior parte sono state fatte da società, multinazionali e aziende sperse in tutta Italia, altre dal telefono di donne che risultano all'oscuro delle chiamate, e che sono solo intestatarie della linea, sfruttata probabilmente da mariti e figli. 

L'indagato - Un nome in particolare spunta nelle indagini, quello di Riccardo Sbarra. Come riporta il Fatto Quotidiano, un silenzio imbrazzato cala negli ambienti della Roma bene, quando si chiede di "Riccardino". L'uomo è attualmente agli arresti, e i Tribunale del Riesame ha respinto la richiesta di scarcerazione. Figlio di commercialisti, possessore di case, yacht, macchine di lusso. Organizzatore di festini, forse quelli in cui clienti e baby-prostitute si incontravano, attraverso una rete di contatti e "papponi" che organizzavano il tutto. Viene descritto come una persona arrogante, Riccardo Sbarra, che non era simpatico a molti. Non bello, ma dalle carte di credito inesauribili. Adesso l'uomo sarà chiamato a spiegare come, quando, perché, quante volte e con chi altro ha incontrato le minorenni. Intanto spuntano anche le prime testimonianze. 

Le testimonianze - Un amico rivela che il problema, nel contribuire alle indagini, è che "molti di noi non ricordano realmente chi so' 'ste pischelle, a volte scherziamo perché il giorno dopo non ci ricordiamo il loro nome". Gabriella, anche lei in un giro di ragazze (maggiorenni), ammette di aver passato molte serate con Riccardo e gli amici: "Se pagava sempre lui? Non lo so, certo non io né le ragazze con me". Così le indagini si allargano, e si scopre un traffico sempre più inquietante di ragazze: potrebbero essercene molte di più, oltre le due ragazzine scoperte, loro amiche o conoscenti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dx

    14 Novembre 2013 - 21:09

    e la moda delle lolite che tirava negli states anni 50 è arrivata da noi col difetto duplice che queste oltre ad essere scaltre forse più dei loro clienti tirano coca. e le mamme chiedono da dove arrivano tutti quei soldi: spacciamo coca, ah va bene, avrebbero risposto e non è diversamente meno grave? DECEREBRATE madri e figlie. e i padri, con una bella mano destra allargata sulle cinque dita, dove sono?... ah no, non si può,ti denuncerebbero per maltrattamento di minori.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    14 Novembre 2013 - 19:07

    chiamale baby!

    Report

    Rispondi

  • s3sssus3ss

    14 Novembre 2013 - 19:07

    a meno che uno non sia parente, amico, sostenitore del Cav. Allora si che i pm si divertiranno. Non sanno fare altro che quello. Il resto non conta.

    Report

    Rispondi

blog