Cerca

A Roma

"Al cimitero del Verano furti e devastazioni". Scarica e leggi la denuncia

Un lettore ci scrive: "Oltre ad essere una stazione d'autobus per l'est europeo, ogni giorno rubano tutto il rame possibile"

"Al cimitero del Verano furti e devastazioni". Scarica e leggi la denuncia

Il parcheggio del Verano, il cimitero di Roma? Ogni domenica, spiega un lettore, il signor Ivano R., diventa "una stazione degli autobus per l'est europeo, con automezzi di tutte le dimensioni che spesso ricordano la macchina di Paperino". E si chiede: ma è legale? E' possibile questo scempio? Ma c'è un secondo scempio: il furto del rame, sistematico. Per il quale il signor R. ha sporto denuncia: "In data 17 novembre mi sono recato come di consueto ogni domenica presso il Cimitero Verano per onorare i miei defunti. Sono stato preavvertito dai venditori di fiori che nei giorni precedenti era stata effettuata una razzia presso molte tombe. Ho raggiunto la mia (...) e ho riscontrato uno stato di devastazione". Infatti erano stati "asportati due grossi vasi in rame, la lampada votiva e la croce, anch'essi in rame". Uno scandalo al quale R. non vuole più sottostare: così ha presentato denuncia, che ci ha inviato in copia e vi proponiamo.

Scarica e leggi la denuncia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    19 Novembre 2013 - 10:10

    Sfido, le locuste/cavallette affamate dell'Est Europa non sanno fare altro...è stato un errore far entrare in Europa i vandali dell'Est. Sono selvaggi,brutali,assassini,opportunisti,ladri e spietati. Ormai è tardi e solo un Governo Militare ci puo' salvare dalla devastazione slava !

    Report

    Rispondi

  • AlexFG

    19 Novembre 2013 - 09:09

    ormai non abbiamo nessun controllo, è un paese anarchico e senza regole. Sembra una giungla con la legge del più forte. Giustamente i nostri "cari" politici sono impegnati a contare i soldi del finanziamento pubblico e a come infilarci ancora di più le mani nelle tasche. Serve il sangue per le strade.

    Report

    Rispondi

blog