Cerca

Varato il nuovo bon ton

per i taxisti capitolini

Varato il nuovo bon ton
 “Un ab­bigliamento consono alla logi­ca della decenza”. È quello che dovranno rispettare i guidatori di taxi della capitale. Il Consiglio comunale ieri ha infatti approvato la mo­zione del consigliere Maurizio Berruti (Pdl) che chiedeva un nuovo bon ton per i taxisti capitolini. “Non dimen­tichiamoci - ha detto Berruti ­- che il taxi è un servizio pubbli­co: sugli sportelli delle auto bianche è affisso il simbolo del Comune di Roma. Il taxi è un biglietto da visita per i turisti: non possiamo permettere che gli stranieri in visita a Roma si­ano accompagnati da tassisti con la canotta dalla quale spun­ta il petto villoso”.

Punti verdi - E con il bon ton dei tassisti sono passate anche altre due mozioni, una per l’intitolazione di una via e l’altra per l’individuazione dei ‘Punti verdi qualità e sicurez­za’. La prima, presentata dalla mag­gioranza, ha stabilito che una strada sarà dedicata ad Alberto Giaquinto, ra­gazzo appartenente al Movi­mento sociale, ucciso durante una manifestazione in ricordo delle vittime di Acca Larentia nel gennaio del ’79. La seconda ha sancito che le aree ver­di nei vari municipi della città che non fanno parte del servi­zio giardini e abbandonate al degrado, saranno riqualificate e utilizzate per attività sociali, culturali e ecosostenibili, affi­dandole a privati, condomini associazioni o cooperative.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog