Cerca

Nomadi, la Capitale adotta

il numero chiuso

Nomadi, la Capitale adotta
 La popolazione nomade della Capitale sarà regolata attraverso un “numero chiuso”. Lo ha annunciato il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, e la conferma è arrivata dal sindaco Gianni Alemanno: “A Roma ci saranno solo seimila nomadi: la città non è in grado di sostenerne di più”, sono state le parole di Pecoraro. L'ultimo censimento conta 7.200 presenze in oltre cento campi. "Abbiamo attuato una vera e propria rivoluzione copernicana e cancellato una vergogna europea", ha dichiarato invece Alemanno.
Il sindaco, insieme al ministro dell'Interno, Roberto Maroni, al prefetto di Roma e all'assessore comunale alle Politiche sociali, Sveva Belviso, ha presentato il nuovo piano nomadi nel campo autorizzato di via di Salone. Il primo cittadino è stato accolto da un applauso da parte della popolazione che vive nel campo; poi, sotto una tenda allestita per l'occasione, ha illustrato il significato ed il lavoro che sta dietro questo nuovo piano.
"Situazione inaccettabile" - "Il piano – secondo Alemanno - cancella una vergogna europea, una situazione inaccettabile come quella che c'era al Casilino 900".  Con il nuovo documento sono previsti anche i lavori di ristrutturazione nei campi autorizzati e che "coinvolgeranno la stessa popolazione. Nel campo di Salone, per esempio, sono stati assunti a tempo indeterminato, 6 nomadi".  Da parte del sindaco l'impegno a impiegare chi vuole lavorare nelle ristrutturazione dei campi e di creare dei punti di avviamento al lavoro e delle politiche finalizzate all'inserimento di queste persone.
La sfida di Maroni: misura da esportare - Da parte sua, il ministro Maroni ha colto l’occasione per lanciare una sfida: portare il modello di gestione dei campi nomadi dell'Italia in Europa. “Abbiamo avuto il coraggio - ha detto Maroni - di affrontare un problema che c'è in molte parti d'Europa e che spesso non viene affrontato. Vogliamo portare il nostro modello in Europa".
"Anche chi ci ha accusato - ha proseguito il ministro - in questi mesi di aver violato i diritti dei più deboli dovrà ricredersi se ha un minimo senso di correttezza e riconoscere che il modello che stiamo mettendo in pratica è la strada maestra per dare una risposta al problema".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog