Cerca

Roma, clochard trovato morto

in un'auto abbandonata

Roma, clochard trovato morto

Trovato morto a Roma un clochard. Il corpo avvolto in una coperta in quella vecchia auto diventata come una casa, sembrava dormisse e invece era morto, forse ucciso. Morto nella più totale solitudine a due passi dalla stazione Termini, a Roma. Così, nelle prime ore del pomeriggio, è stato trovato il cadavere di un barbone russo di 40 anni. Una morte ancora con molti aspetti da chiarire, ma che sembra aver imboccato la strada dell'omicidio.

I carabinieri del Nucleo Investigativo sembrano infatti propendere per questa ipotesi, soprattutto per le profonde ferite che il clochard aveva al volto e al collo. Il cadavere è stato trovato all'interno di un'auto in un parcheggio vicino alla stazione Termini, in via Enrico de Nicola, steso sul sedile posteriore della vettura, attorno molto sangue. Ad accorgersi che il barbone straniero era morto è stato il custode del parcheggio. Inizialmente ha pensato che l'uomo dormisse, poi guardando meglio dentro l'auto ha visto il sangue sulla coperta e il viso ferito da una profonda lacerazione.

L'auto era abbandonata nel parcheggio da circa due o tre mesi ed era diventata una sorta di rifugio per barboni italiani e stranieri. All'interno coperte, cartoni e bottiglie ormai vuote. Il senza tetto era conosciuto nella zona attorno alla stazione Termini, spesso sostava nelle strade e nelle panchine di piazza dei Cinquecento, poi la sera dormiva nella vecchia auto.

Il medico legale che ha fatto un primo esame del cadavere non si è sbilanciato sulle reali cause della morte, ha ipotizzato che il barbone fosse lì da almeno un giorno. Per questo ha disposto l'autopsia che verrà effettuata domani in giornata, ma il medico ha escluso con certezza la morte per cause naturali, per le ferite, che potrebbero essere state causate, ad esempio, da un pezzo di vetro. Tra le ipotesi all'origine della sua morte potrebbe esserci una lite, una rissa con altri clochard scoppiata per chissà quale motivo. L'uomo poi potrebbe essersi trascinato fino al suo rifugio e lì essere morto dopo alcune ore. Improbabile, ma non da escludere, che possa essere stato ucciso all'interno dell'auto. Difficile, al momento, cercare di ricostruire le ultime ore di vita del barbone. I carabinieri ci stanno provando, ascoltando le testimonianze di alcuni clochard.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog