Cerca

Elettrosmog, una perizia incastra Radio Vaticana. Nesso tra onde e tumori

Il rapporto del prof Micheli prende spunto dal processo per omicidio colposo in cui erano indagate sei persone

Elettrosmog, una perizia incastra Radio Vaticana. Nesso tra onde e tumori
Esiste un rapporto tra le antenne di Radio Vaticano e l’incremento dei tumori infantili registratisi tra Cesano e La Storta tra il 1990 e il 2003. Sono queste le conclusioni del rapporto di 139 pagine disposto dal gip del tribunale di Roma e portato avanti dal professor Andrea Micheli.

Il processo – La superperizia, commissionata dal gip Zaira Secchi nel maggio del 2005, rientra nell’ambito dell’inchiesta per omicidio colposo, nella quale erano indagate sei persone: Roberto Tucci, Pasquale Borgomeo e Costantino Pacifici (responsabili dell’emittente della Santa Sede) e Gino Bizzarri, Vittorio Emanuele Di Cecco e Emilio Roberto Guarini, della Marina Militare. In precedenza, Pacifici era stato assolto in primo grado, mentre Tucci e Borgomeo (ora deceduto), dopo una prima assoluzione che era stata annullata dalla Cassazione, avevano incassato in Appello “il non doversi procedere” per la scadenza dei termini di prescrizione.
Incassato ora l’esito della superperizia, i difensori degli indagati faranno leva sulle conclusioni dei consulenti di parte (tra cui Umberto Veronesi), il cui esito era diametralmente opposto rispetto allo studio condotto dal professor Micheli.

Perizia –
Ma cosa afferma il professor Micheli nella sua superperizia?
"Lo studio suggerisce che vi sia stata una associazione importante, coerente e significativa tra esposizione residenziale alle strutture di Radio Vaticana ed eccesso di rischio di malattia per leucemia e linfomi nei bambini, e che le strutture di MariTele, in modo limitato e additivo, abbiano plausimibilmente contribuito all’incremento di quel rischio".
A tal proposito, i rischi di esposizione erano alti per la "fascia di esposti tra i 5 e i 9 chilometri dall’emittente, per almeno 10 anni, di donne e uomini di tutte le età". In base alla perizia, l’esposizione di lungo periodo (oltre dieci anni) alle antenne di Radio Vaticana per i bambini sino a 14 anni di età, che hanno abitato nella fascia tra 6 e 12 km, ha determinato un eccesso di incidenze di leucemie e linfomi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubik

    14 Luglio 2010 - 12:12

    :)

    Report

    Rispondi

  • augustoromano

    14 Luglio 2010 - 12:12

    Tutti gli abitanti che si trovano di fronte alla stazione trasmittente vaticana sono abusivi, ricordo che c'era una convenzione dagli anni trenta per l'inedificabilità di tutta la zona. Ora che vanno cercando ? Augusto

    Report

    Rispondi

  • cellino

    14 Luglio 2010 - 11:11

    Se la perizia fosse vera - pur con i dovuti distinguo per le diverse frequenze/potenze - che dire di tutti i ripetitori telefonici in pieno centro abitato??

    Report

    Rispondi

  • Joe1957

    14 Luglio 2010 - 10:10

    Se fosse vera la conclusione del perito stravolgerebbe ogni altro dato che emerge dal mondo scientifico. L'Organizzazzzione Mondiale della Sanità (quella che lo scorso anno ci ha fatto buttare via miliardi di Euro in vaccini contro una Pandemia che non esisteva...si, proprio loro, quelli spaventati da un nonnulla) ha dichiarato che l'elettrosmog non esiste, o comunque non a livello pericoloso.... boh...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog