Cerca

Alemanno: "Demolire Tor Bella Monaca e poi ricostruirla"

E'questa la proposta avanzata dal Sindaco di Roma dal palco della manifestazione "Cortina Incontra". E su Corviale boccia l'idea di Buontempo

Alemanno: "Demolire Tor Bella Monaca e poi ricostruirla"
E'arrivata direttamente dalle Dolomiti la proposta choc di Gianni Alemanno che, direttamente dal palco della manifestazione "Cortina Incontra", dove, già una settimana fa, aveva lanciato l'idea, poi ampiamente contestata anche da una parte del centrodestra, di tassare i cortei che attraversavano la Capitale d'Italia. 

E, questa volta, l'iniziativa del Sindaco è la seguente: "Vogliamo demolire Tor Bella Monaca" ha dichiarato. Un annuncio, inaspettato, che non mancherà di destare polemiche, anche se, almeno per il momento, ha suscitato ironia e sorpresa. "Ma come?Appena eletto aveva detto che voleva spostare la teca di Meier dell'Ara Pacis a Tor Bella Monaca e adesso vuole buttar giù il quartiere?" - è stato questo il commento a caldo del centrosinistra che ritiene confuso il Sindaco.

Il progetto di Alemanno consisterebbe nel trovare alcuni terreni vicino a Tor Bella Monaca da adibire a nuove abitazioni.
Come riferito dall’agenzia di stampa "Omniroma", il Sindaco stava partecipando al dibattito "Estetica della città" quando il moderatore gli avrebbe chiesto su quale parte di Roma si potrebbe intervenire con un drastico intervento di riqualificazione. E Alemanno ha risposto: "Sicuramente Tor Bella Monaca va demolita, rasa al suolo, non tanto Corviale, che è un altro discorso. A Tor Bella Monaca ci sono case costruite con un sistema di prefabbricazione in cui piove dentro" ha affermato. E ha anche aggiunto: "Se abbiamo terreni e aree per costruire di fianco a Tor Bella Monaca un quartiere per permettere alle persone che abitano lì di spostarsi sarebbe una scelta popolare. Chi vive dentro quelle case non vive bene e vorrebbe trasferirsi".

Il Sindaco di Roma, prima dell’annuncio, avrebbe anche affermato che "oggi con le ultime sentenze della Corte Costituzionale espropriare costa troppo. Siamo passati dall'assoluta massificazione degli anni passati a meccanismi oggi troppo restrittivi: è necessaria una nuova legge urbanistica complessiva che consenta di costruire dove c'è bisogno e non solo dove c'è interesse di privato e di società immobiliari, altrimenti continueremo ad avere città che si espandono in zona agricola" - ed ha così concluso- "È necessario invece demolire e ricostruire ampie aree della città, recuperando anche terreno urbano". 

Alemanno ha inoltre ricordato che "A Roma ci sono molte aree delle 167 che sono autentiche cisti urbane, penso al Tiburtino 3 e altre zone, come, appunto, Tor Bella Monaca".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uniromatv

    05 Novembre 2010 - 11:11

    Demolizione e ricostruzione di Tor Bella Monaca. Il Sindaco di Roma Capitale Gianni Alemanno pensa che questa iniziativa porterà solo vantaggi. Gli abitanti non ne sono tanto convinti.. Al seguente link potrete vedere il servizio realizzato da Uniroma.tv in merito a quest'argomento: http://www.uniroma.tv/?id_video=17451 Ufficio Stampa di Uniroma.TV info@uniroma.tv http://www.uniroma.tv

    Report

    Rispondi

  • Fairchild

    24 Agosto 2010 - 13:01

    Ma siete così sicuri che Alemanno voglia abbattere TBM perchè sdegnato da questo quartiere? Poveri a voi. A Roma si sta completando la metro c che, guarda caso, passerà proprio per TBM. Quindi arriverà l'aumento del valore degli immobili e dei terreni da far ricostruire ai soliti palazzinari che già si sono mangiati tanti milioni di euro: Scarpellini, Toti, Caltagirone ecc Vi dicono niente i termini "oneri di urbanizzazione"?? I costruttori, dietro aumento delle cubature da edificare, regalano al comune infrastrutture. Peccato che si sia rivelato un sistema fallimentare, almeno a Roma. Nelle centralità a fronte di millemila appartamenti i costruttori avrebbero dovuto finanziare la metro, peccato che siano stati finanziati si e no 400 mt di percorso. E per chi ha parlato di Corviale. Alemanno ha detto " Corviale non sarà abbattuto, Corviale è un altro discorso". Certo che è un altro discorso: non è in previsione una metropolitano o similare!

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    24 Agosto 2010 - 12:12

    per ricostruire il sindaco ha emanato un decreto. Andiamo a prendere e vendere gli appartamenti che hanno i romani fuori porta. Il tuo della Sardegna e' a rischio. Ti conviene vendertelo prima tu.

    Report

    Rispondi

  • garavello

    24 Agosto 2010 - 10:10

    Per demolire le schifezze della politica edilizia cialtrona di Roma voluta da 20 anni e più di sinistra post sessantottina non basterebbe Armageddon... ma da qualche parte bisogna pur cominciare! Di Corviale non c'è neanche bisogno di parlare... bell'esempio di case popolari! Delle stie per polli sarebbero state più dignitose, ma vogliamo parlare dei "Ponti" del Laurentino? Bella questa sinsitra architettonica che vive ai Parioli e costruisce Lager per il proletariato di periferia; andate in Svezia a vedere come si costruiscono le case popolari! forza Gianni picconiamo!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog