Cerca

Roma premia film sul suicidio

Kill me please si aggiudica il Marc'Aurelio. Miglior attore a Toni Servillo. Vince anche la pellicola prodotta da Valeria Marini

0
Roma premia film sul suicidio
Si spengono i riflettori sulla quinta edizione del  Festival del Film di Roma. Oggi, ultimo giorno della kermesse, è stato segnato dalla consegna degli attesi premi. Marc'Aurelio d'oro (la statuetta italiana) al film ' Kill me please' del belga Olias Barco, pellicola in bianco e nero ambientata in una clinica per suicidi. Trionfo anche per l'Italia. La giuria internazionale, presieduta da Sergio Castellitto, ha dato il titolo di miglior attore a Toni Servillo, protagonista  di 'Una vita tranquilla', regia di Claudio Cupellini.
Gran Premio dei giudici e riconoscimento del pubblico a ' Hoevnen - In a better world' di Susan Bier, una riflessione tra guerra e pace. Premio speciale a ' Poll' di Chris Kraus, sull'inizio della prima guerra mondiale. Vittoria collettiva per le attrici del film spagnolo ' Las buenas hierbas' di Maria Novaro. La targetta del presidente della Repubblica è andato a ' Dog Sweat' dell'iraniano Hossein Keshavarz perché il regista è stato il migliore a mettere in risalto l'importanza dei valori sociali e umani in un Paese dove vengono continuamente calpestati.

Nella sezione Alice in città, tra i lavori sotto i 12 anni, vince ' I want to be a soldier' di Christian Molina, prodotto da Valeria Marini, tra quelli over 12 si aggiudica il premio Hans Van Nuffel per ' Adem'. Nella categoria Extra, la giuria, presieduta da Folco Quilici, ha dato il riconoscimento al documentario ' De Regenmakersportiva' di Maranello di Floris-Jan Van Luyn. Ottiene il premio Miglior esordiente il danese Kaspar Munk, con il film ' Hold Om Mig'.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media