Cerca

'Nuova Affittopoli', adesso spuntano anche i "furbetti" dellla Capitale

Pure a Roma locazioni e vendite con lo sconto soltanto per i vip. Tra i nomi Elio Vito, Sirchia e Castelli

'Nuova Affittopoli', adesso spuntano anche i "furbetti" dellla Capitale
Nota: il giorno successivo a quello in cui i vertici del Pio Albergo Trivulzio milanese - coinvolti nello scandalo delle locazioni a prezzo stracciato - fanno un passo indietro, Affittopoli si abbatte anche su Roma. Segue l'articolo di Francesco De Dominicis. Tutti i particolari sul quotidiano in edicola oggi.

Il più grande patrimonio immobiliare concentrato sotto un unico cappello. Stiamo parlando dell’Enasarco, l’ente di previdenza degli agenti di commercio e dei promotori finanziari. Secondo gli ultimi dati della Corte dei conti l’ente è proprietario,  in tutto, di  273 complessi immobiliari, per un totale di 481 fabbricati distribuiti su quasi tutto il territorio nazionale. Più nel dettaglio i cespiti che costituiscono il patrimonio ammontano a circa 45.000 unità, di cui 17.000 con destinazione residenziale, 27.000  pertinenze a servizio delle abitazioni e 1.000  unità a destinazione commerciale.

Quasi tutti gli appartamenti sono nella capitale. Complessivamente, il valore a bilancio del patrimonio immobiliare è di circa 3 miliardi mentre quello ai prezzi attuali di mercato è di ben 6 miliardi. Numeri da capogiro e attorno ai quali, a più riprese, negli scorsi anni sono sorti scandali più o meno di vaste dimensioni.   Sia per la questione delle locazioni a prezzi particolarmente vantaggiosi (attualmente i canoni applicati risultano mediamente inferiori del 56% rispetto ai valori medi di mercato rilevati dall’Agenzia del Territorio) sia per il piano di dismissione immobiliare.



Così, in queste ultime ore mentre a Milano è caos per  il caso affittopoli legato al Pio Albergo Trivulzio, a Roma è tornato alla ribalta il gigantesco e chiacchierato patrimonio immobiliare dell’Enasarco. Una delle vicende più note è quella che ha toccato da vicino l’ex presidente della Confcommercio, Sergio Billè, l’ex numero uno Enasarco, Donato Porreca, e un suo collaboratore, Fulvio Gismondi. A metterli nei guai era stato l’immobiliarista romano Stefano Ricucci. Siamo nel settembre del 2006 e Ricucci parla davanti ai pm della capitale. «Avrei dovuto pagare una tangente di 50/60 milioni di euro, anticipandone 3 milioni, e il 40% andava a Billè un altro 40% al presidente Enasarco   Porreca e il restante 20% a Gismondi. L’obiettivo era vincere la gara per la gestione degli immobili».

Una torta da decine di miliardi di euro che ne avrebbe fruttato altrettanti attraverso la vendita, l’adeguamento degli affitti, e la gestione manageriale. Secondo le carte della procura di Roma, confermate dallo stesso Ricucci, la cordata di cui era parte l’immobiliarista romano, formata da Deutsche Bank, Magiste international e la ex Popolare di Lodi di Fiorani, mesi prima del bando  per l’assegnazione della gara, avrebbe avuto informazioni decisive per potersi aggiudicare il bando stesso vincendo la concorrenza di giganti quali Pirelli re e banche d'affari. Ma la gara non fu mai aggiudicata anche per una rottura all’interno della cordata Ricucci (Deutsche Bank si sfilò dall’accordo).

Due anni più tardi esplode la polemica sugli appartamenti in affitto ai vip. Si è scoperto così che ministri, sottosegretari, agenti segreti, sindacalisti e burocrati d’alto rango abbiano ottenuto case prestigiose a canoni i di favore, con la possibilità di riscattarli a prezzi stracciati. 

Un po’ di nomi li hanno tirati fuori il Fatto quotidiano e il Corriere della Sera. Elenchi assai lunghi. Pio Pompa, collaboratore del Sismi finito sotto inchiesta: 165 metri quadri in via dei Georgofili 123, 698 euro di affitto. Luciano Gaucci, ex  «patron» del Perugia: altri 168 metri quadri, al piano di sotto, a 700 euro. Oppure Roberto Castelli, attualmente viceministro delle Infrastrutture ed esponente della  Lega: 96 metri  a Monteverde, «750 euro con le spese» come lo stesso Castelli osservò a suo tempo. «Prezzi di mercato» precisavano ieri dal suo staff. Poi il colpo di scena. «Prevedendo l’ennesima montatura il viceministro proprio oggi (ieri, ndr) ha firmato la disdetta del contratto» ha rivelato l’entourage del leghista. 

Altri nomi eccellenti, sempre secondo quanto riportato dal quotidiano di via Solferino, erano stati portati alla luce  da affittuari più anziani tutti  preoccupati per la regolarità delle procedure di vendita: Elio Vito (Pdl) alla Farnesina, Girolamo Sirchia sulla Nomentana, Mario Palombo al Portuense, Benedetto Adragna (Pd) al Della Vittoria vicino a Donato Bonanni, figlio del leader Cisl, Francesco Amoruso (ex An) ai Parioli accanto a Francesco De Gennaro, figlio del prefetto, e al capo della polizia Antonio Manganelli. Anche Vito non ci sta e raggiunto al telefono spiega: «Sì abito ancora nella casa dell’Enasarco, ma il mio caso è tutto diverso».  Il suo canone dovrebbe essere sui 1.700 euro per 90 metri quadri. Sirchia, invece, è uno di quelli che probabilmente ha  riscattato l’immobile, ma è anche uno dei pochi ad aver pagato canoni a tre zeri. Certo sarebbe interessante conoscere le cifre.
 E mentre gli affitti vanno avanti la vendita è partita. Il kick off a gennaio dello scorso anno con   procedure che dovrebbero garantire trasparenza. È stata scartata, infatti, la strada che portava ad affidare a una società esterna il piano di dismissione degli immobili. Il percorso è ripartito nel gennaio 2010 e da allora viene tutto gestito in casa.

di Francesco De Dominicis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • georgialandi

    01 Marzo 2011 - 07:07

    Vorrei raccontarvi la nostra storia: siamo in affitto in un palazzo considerato di lusso dall'Enasarco da circa 50 anni ad oggi in questa casa, avuta da mio nonno che era agente di commercio a cui per altro l'Enasarco non ha pagato nenache la pensione, vive mia mamma donna di 67 anni con problemi fisici e con la pensione sociale. Alcuni anni fa l'ente le ha dato lo sfratto. Dopo vari trattative le hanno proposto di rimanere con 3.500 euro al mese. Ci siamo rivolti alla Sunia ma abbiamo ricevuto tante promesse e pochi fatti. Attualmente io, la figlia vivo con terrore il momento in cui arriveranno i carabinieri alla porta e la tireranno fuori dalla sua casa perché so benissimo che subito dopo ci sarà un funerale! Davanti ai soprusi dei potenti non c'è niente da fare, un po' come era anticamente!

    Report

    Rispondi

  • minovitti27

    24 Febbraio 2011 - 09:09

    ma vi sembra giusto che un povero cristo con una pensione di 620 euro mensili se riesce a trovare casa in affitto deve spenderne 550euro per avere un tetto sulla testa, mentre questi signori pur intascando fior di migliaia di euro si riducano ad elemosinare ad avere sconti su appartamenti che dovrebbero essere assegnati a famiglie veramente bisognose e con reddito minimo, se questo non è uno schifo per Castelli, mi risponda lui ,che cosa è? e la finisca di fare il moralista ed il difensore delle cause perse, si automoralizzi da solo e vada a raccogliere insalata, solo così potrà capire cosa è lavoro.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    23 Febbraio 2011 - 19:07

    Era ovvio che a Roma, sede della malapolitica, ci fosse un'altro letamaio, NO ?

    Report

    Rispondi

  • Dream

    23 Febbraio 2011 - 16:04

    Dragoncello, Corso Francia!....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog