Cerca

Tariffe Taxi: Roma più cara di New York. Lo studio di priceoftravel.com

L'auto bianca nella Capitale è tra le più care d'Europa. Per 3km con strada trafficata si spendono più di 12 euro

Tariffe Taxi: Roma più cara di New York. Lo studio di priceoftravel.com

Tariffe taxi: Roma molto più cara di New York, Los Angeles, Barcellona. Mentre il caro-taxi tiene  banco nelle riunioni fra  sindacati, consumatori e Comune, arriva inaspettata - o se preferite come benzina sul fuoco - l’analisi di priceoftravel.com, il sito creato dal giornalista specializzato Roger Wade, che confronta 72 città del mondo sul costo dei taxi. 

 

Il monitoraggio parte dal novembre 2010. I dati sono aggiornati ad aprile 2011, i prezzi espressi in dollari. La classifica è stata realizzata compiendo un percorso di tre chilometri in ognuna delle città esaminate, e tiene conto di due situazioni diverse: strada relativamente libera e condizioni di traffico intenso. Esclusi dai rilevamenti i turni di notte, i festivi, i percorsi a tariffa fissa tipo città-aeroporto.

Ed ecco i risultati del monitoraggio, titolo “Cost of a 3-kilometer ride in April, 2011”.  A Roma, unica città italiana del panel, la corsa costa da un minimo di 8,41 dollari (strada libera) a un massimo di 14,49 (traffico nell’ora di punta).  Decisamente più economica per gli esperti di priceoftravel è New York: per gli stessi tre chilometri, nella metropoli americana si spendono da  7,00 a  12.00  dollari. Negli States meno cara di Roma anche Los Angeles, che varia da 7,50 a 10,00 dollari. E in Europa? A Madrid la forbice va  da 7,25 a 10,14 dollari. A Barcellona da 6,52 a 10,14. Meno care, rispetto a Roma,  anche Mosca (4,09-6,04), Lisbona (5,80-8,70), Budapest (5,70-8,29).  Più o meno in linea con la capitale d’Italia è Parigi (8,70-14,49). 

A Londra la corsa va da 11,48 a 14,75 dollari: nelle ore di punta, quindi,  all’ombra del Big Ben si spende appena qualche centesimo più che nella  Città Eterna. 

Molto più care di Roma in assoluto risultano invece Berlino (11,59-15,94), Tokyo (12,64-15,66), Stoccolma (12,92-16,16). La città del mondo dove una corsa in taxi costa di più in assoluto  è Zurigo, che può arrivare a 26,97 dollari nelle ore di traffico più intenso. Nella graduatoria  Roma risulta al 23mo posto in condizioni di strada libera, al 13mo posto nelle ore di punta. Vale a dire che solo in 12  grandi città del mondo, secondo priceoftravel, si spende di più quando si arranca nel traffico urbano. 

La classifica fa il giro del globo, dall’Islanda al Nepal alla Nuova Zelanda. E’ rigorosa, esatta? Teniamo conto che in ogni città ci sono profili tariffari  diversi, mancano molte metropoli (ad esempio Milano), gli aggiornamenti possono non essere tempestivi. E che stiamo parlando di un percorso di 3 Km, con tariffe minime  e massime invece di una media come si fa di solito nelle classifiche in Europa. Ma un fatto è certo: Roma già oggi è di gran lunga più cara di New York, domani con le nuove tariffe si lascerebbe alle spalle Parigi e Londra.

E il confronto con il resto d’Italia?  Qui a dare risposte  è il dossier edito nel maggio 2010 dal Ministero per lo sviluppo economico, titolo “Costo di cittadinanza nelle città metropolitane d’Italia”. I dati sono del 2009. Il  monitoraggio del Ministero prende a riferimento una corsa con scatto iniziale, percorso di 5 Km in giorno feriale, senza chiamata, con 15’ di sosta nel traffico. Il raffronto mostra che Palermo è la città in cui il taxi costa meno (10,97 euro). Venezia è invece la più cara (14,54 euro), seguita da Milano (14,32). Roma si attesta a 13,33 euro, qualcosa più (20 centesimi) della media nazionale (13,13 euro),  sotto Firenze (13,46).  

A peggiorare la graduatoria della Città Eterna anche qui saranno i prossimi rincari. Gli accordi fra le 9 sigle che fanno capo al 3570 e il Codacons parlano di aumenti medi fra il 10 e il 12%. Al lettore farsi i conti in tasca.

 

di Marcello Viaggio

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog