Cerca

Metropolitana, Rom con abiti firmati a caccia di turisti

Vestiti all’ultima moda puntano la vittima che viene distratta dall’unico adulto abbigliato da zingaro

Metropolitana, Rom con abiti firmati a caccia di turisti
Jeans attillati, Adidas, canotte, e a tracolla quelle borsette che ad una prima occhiata potrebbero anche sembrare firmate. Così come le cinte strette in vita. Oggi, le giovani nomadi spedite su autobus e metropolitane a far man bassa di cellulari, portafogli e denaro, vestono così, all’occidentale. I vigili, in gergo, le chiamano “Fashion rom”, ma capire che si tratti di zingare specializzate nei borseggi è roba da occhi esperti. E le decine di turisti che ogni giorno ne cadono vittime esperti non sono.  
E’ difficile infatti credere che quei ragazzini ben vestiti e dall’aria pulita – maschi e femmine, esclusivamente minorenni, meglio se sotto i 14anni  - siano in realtà dei criminali navigati. Eppure è così. E chi pensa che entrino in azione in maniera casuale è destinato a  ricredersi.
I sei ragazzini arrestati ieri mattina dalla polizia municipale durante un’operazione mirata, per esempio,  facevano parte di una banda organizzata, «quasi un racket», azzarda un agente. Una banda composta da giovani di diverse etnie rom e proveniente dai  vari campi sparsi per la città. Giovani che si associano, dunque, con l’unico scopo di delinquere. A coordinarli e controllarli una donna, l’unica maggiorenne del gruppo e l’unica vestita “da zingara”. Un abbigliamento che più tardi scopriremo non essere affatto casuale. [Clicca qui per continuare a leggere]

di Fabiana Ferri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    17 Aprile 2014 - 10:10

    come si fa a scambiarli per gente normale. Solo dai lineamenti si vedono che sono zingari e poi, dall'odore che emanano o dalla sporcizia delle calzature o delle mani, osservateli bene e state lontani da questi truffatori e ladruncoli.

    Report

    Rispondi

blog