Cerca

Impiccato il killer della bimba L'ombra della vendetta cinese

Trovato morto uno dei magrebini ricercati per il duplice omicidio di Tor Pignattara. Suicidio oppure è arrivata prima la mafia?

Impiccato il killer della bimba L'ombra della vendetta cinese

Domenica pomeriggio il medico legale non ha avuto dubbi: lo straniero trovato impiccato in un casolare al chilometro 14 di via Boccea, periferia di Roma, si è suicidato. Due giorni fa, però, il dottore non sapeva ancora di chi fosse quel corpo. Il patologo ignorava che appeso a una trave del capannone in disuso fosse Mohammed Nasiri, maghrebino di 30 anni, ricercato per l’omicidio di Zhou Zheng, il commerciante cinese di 31 anni, e della figlioletta Joy, di 9 mesi, colpita il 4 gennaio scorso  alla testa dallo stesso proiettile che aveva appena trapassato e freddato sul colpo il genitore. Scoperta l’identità della vittima, ieri sera, l’ombra della vendetta cinese ha oscurato tutte le altre ipotesi. Adesso serve l’autopsia. Adesso è necessario capire se l’uomo si sia tolto la vita o se sia stato ucciso da qualcuno che voleva vendicare la morte della piccola Joy. 

Nel quartiere dove le vittime abitavano, dove sono state uccise e dove da pochi giorni è tornata la giovane donna rimasta vedova e senza la figlioletta, sono sicuri che «la mafia cinese sia arrivata prima dei carabinieri». A Torpignattara da ieri non si parla d’altro. In un locale tra via Giovannoli, dove è rimasta da sola Lyian, la giovane vedova, e via Antonio Tempesta, all’angolo con via Casilina, dove c’è il bar di famiglia, commentano il ritrovamento del corpo del magrebino con lucidità: «Secondo me è stato un delitto su commissione», dice uno, «se l’hanno trovato impiccato è stata la mafia cinese anche secondo me», gli fa eco un altro». Pochi, invece, coloro, che come Glauco pensano che «ci sia poco da ipotizzare, è stato un atto disperato di un uomo braccato». Sono solo i cinesi a non lasciarsi andare a commenti. Dalla comunità trapela una piccola indiscrezione sulla reazione della famiglia. «Siamo sempre afflitti dal dolore e speriamo che ora catturino l’altro assassino», avrebbero detto, «ma la notizia ci ha dato un certo sollievo».

Il corpo del 30enne magrebino è stato trovato sabato pomeriggio da alcuni ragazzi che stavano giocando a soft-air, la guerra finta con le munizioni di vernice. Il gruppo aveva scelto come teatro della battaglia un capannone in disuso lungo la via Boccea. In una delle appendici, forse una vecchia stalla, si sono trovati improvvisamente di fronte al corpo dell’uomo. Chiamati il 112, i carabinieri sono arrivati sul posto con il medico legale, che ha parlato di suicidio dopo l’esame esterno del corpo (senza però sapere chi fosse e, soprattutto, ignorando che qualcuno poteva volere quella persona morta). In un primo momento, inoltre, l’uomo non sembrava di nazionalità nordafricana. Si pensava fosse uno straniero dell’Est Europa. Solo ieri sera, comparate le impronte digitali con quelle nello schedario delle forze di polizia, si è scoperto che  il cadavere era di uno dei killer di Joy e del papà.  

L’uomo era stato più volte identificato da polizia e carabinieri, ai quali aveva fornito diverse generalità. Controlli scattai per routine o al termine di processi per reati contro il patrimonio, ricettazione e furto commessi, che hanno permesso di dare un nome a Nasiri. Il procuratore vicario Giancarlo Capaldo ieri ha condotto un vertice in procura. Per prima cosa sono state disposte l’autopsia del corpo e l’analisi del cellulare che è stato trovato addosso al cadavere. La speranza è che quell’utenza, intestata a un’altra persona residente fuori Roma, fornisca elementi utili a rintracciare il connazionale di Nasiri, il 20enne con il quale due settimane fa il magrebino aveva ucciso padre e figlia per rubare la sacca con i 16mila euro del money transfer che gestiva.

Roberta Catania

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • castalia

    20 Gennaio 2012 - 19:07

    ma ormai siamo perduti. Gli abbiamo permesso di fare il capodanno cinese in piazza del popolo con sfilata per via del corso.... L'insana abitudine era cominciata con l'imbelle veltroni e si sperava che Alemanno rimettesse le cose a posto o cominciasse a far capire che c'era un'altra aria a Roma, visto che i controlli sulle attività commerciali sono di competenza de l comune ma tutto sembra rimasto come prima e non ci rimane che diventare cinesi!!! Speriamo che la loro comunità non sia poi così chiusa come dicono e che ci accettino e ci integrino!!!!!

    Report

    Rispondi

  • spalella

    20 Gennaio 2012 - 17:05

    Se la presunta giustizia cinese fosse una realtà e non un'ombra, la PRFERISCO ALLA STUPIDA, INUTILE, GISUTIZIA ITALIANA. Alla inutile giustizia che si limita a certificare i crimini MA MAI A PUNIRLI COME SI CONVIENE PER FARE ALMENO DETERRENZA. Uno schifo di giustizia ammalata di marcio buonismo cattolico che parla di perdono e di porgere l'altra guancia, per cui tutti i delinquenti vengono a casa delle pecore italiane per fare comodo bottino. Non vanno mai però nel bestiale vaticano, guarda caso, vengono a casa dei cittadini civili .....

    Report

    Rispondi

  • raucher

    17 Gennaio 2012 - 19:07

    tutto giusto erano 2 cretini , ma non Le pare che sia un grande campanello d'allarme? La loro giustizia è rapida ed efficiente, non vi fa paura?

    Report

    Rispondi

  • raucher

    17 Gennaio 2012 - 19:07

    Grazie , ma a volte mi becco offese solo perchè dico apertamente quello che la stragrande maggioranza degli italiani pensa. Le solite vuote accuse di razzismo, il semplice buonsenso pare sia troppo fuori portata di tanti... cretini..Saluti a Lei

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog