Cerca

Roma, muoiono 5 ventenni: camion li travolge sul raccordo

I ragazzi fermi in corsia d'emergenza per un guasto. Sono stati travolti da un mezzo pesante, salvi due poliziotti

Roma, muoiono 5 ventenni: camion li travolge sul raccordo

Tragico incidente questa notte sul Grande raccordo anulare di Roma. Un camion ha travolto un'auto ferma per un guasto al chilometro 51, nella carreggiata esterna, tra le uscite Laurentina e Appia. Al momento dell'impatto si trovava anche un'autovettura della polizia stradale che si era fermata per soccorrere l'auto in panne. Il mezzo pesante ha travolto l'autovettura con le cinque persone,  due ragazze e tre ragazzi con un'età tra i 20 e i 26 anni, che sono morte sul colpo. Feriti i due agenti della polizia stradale trasportati all'ospedale Sant'Eugenio. Illeso invece il conducente del camion. Sul posto sono intervenuti successivamente gli agenti della polizia stradale di Settebagni per i rilievi dell'incidente. "I nostri agenti - ha spiegato Cinzia Ricciardi, dirigente della Polstrada - si sono salvati solo perchè fuori dall'auto in quel momento, mentre per i cinque ragazzi non c'è stato purtroppo niente da fare. Sono morti sul colpo". L'autista del camion, ha riferito Ricciardi a Sky Tg24, è risultato negativo ai test per alcol e droga, e resta da appurare il perchè abbia invaso la corsia di emergenza a tutta velocità provocando il drammatico schianto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    18 Gennaio 2012 - 15:03

    Coloro che lavorano, dovendo usare l'auto per intervenire, sempre ed a qualsiasi orario del giorno o della notte, nei giorni feriali come in quelli festivi, sanno che immettersi sulle autostrade, soprattutto di notte, implica il rischio della vita. Fra le tante emergenze italiane vi è anche quella di costruire delle autostrade camionabili. I mezzi pesanti disattendono continuamente sia i limiti di velocità che il rispetto della corsia assegnatagli. Anche in questo l'Italia è un Paese retrogrado. Il rispetto delle regole è continuamente violato senza alcuna penalità inflitta ai soliti noti. Qualche scusante gliela si può concedere perché gli autisti sono sottoposti, oppure si auto sottopongono, a condizioni di lavoro disumano. Non mi è stato casuale 'pescare' autisti che guidavano dormendo. Il lavoro lo si perde quando le aziende chiudono. Non sarebbe poi così disastroso togliere la patente, a vita, a chi compie stragi!

    Report

    Rispondi

  • testin della cazzetta

    18 Gennaio 2012 - 13:01

    E' ora di finirla con questi Itagliani che rubano il lavoro e le donne agli stranieri, si ubriacano, si drogheno e uccidono la gente per strada. Tanto troveranno il solito giudice nazi-sfascista che li libera così possono continuare a stuprare le donne extracomunitarie pagati dallo stato!Chi ha dato la patente a questo Itagliano? Che schifo, bisognerebbe mandarli tutti a casa loro...tanto voi di Libero siete talmente confusi...

    Report

    Rispondi

  • claudio13

    18 Gennaio 2012 - 13:01

    chissà dove aveva lasciato il cervello speriamo venga spatentato a vita visto che non è rimasto secco.

    Report

    Rispondi

  • IuniusBrutus

    18 Gennaio 2012 - 11:11

    La volante della polizia era dietro alla vettura dei ragazzi, con i lampeggianti accesi? Questo avrebbe reso molto visibile l'ostacolo al conducente del camion, a meno di un colpo di sonno, o di un malore. Quali sono le norme da seguire? Troppo terribile la tragedia della morte di cinque ragazzi su cinque, per un incidente d'auto, tanto più se confrontata con il disastro navale del Concordia, dove su 4200 persone, su un'immensa nave più grande di 100.000 auto, gli sventurati che hanno perso la vita sono pochi di più.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog