Cerca

Scontro Alemanno-Protezione civile

Il primo cittadino: "Informazioni errate, voglio una commissione d'inchiesta". Sul web le ironie sull'abominevole sindaco delle nevi

Scontro Alemanno-Protezione civile

Chi l'avrebbe mai detto? Il sindaco Alemanno, appassionato di alpinismo, non ha saputo gestire l'emergenza neve nella Capitale. Lui, che può vantare nel suo curriculum di scalatore di essere stato nel 2004 capo spedizione onorario nella conquista del K2 per il cinquantenario della mitica impresa da parte degli italiani, è stato investito dalle polemiche sollevate non solo dai suoi delatori politici, ma anche dalla Protezione Civile, chiamata in causa dallo stesso Alemanno mentre invocava una commissione d'inchiesta. "Ci hanno portato fuori strada le previsioni del servizio nazionale che parlavano di nevicate ordinarie a partire dalla serata di ieri, venerdì, mentre ha iniziato a nevicare a mezzogiorno e abbiamo avuto una nevicata più forte di quella dell'85", ha detto il sindaco  in diretta telefonica al programma tv Omnibus su La7. Nel giustificare i problemi nella gestione dell'emergenza insorta con la nevicata di ieri, Alemanno afferma di non voler fare "lo scarica barile" e chiede la "costituzione di una commissione d'inchiesta, perché non é possibile che un evento come quello di ieri non é stato previsto in maniera adeguata, il servizio nazionale ha fatto delle previsioni riduttive".

 

Alemanno sepolto dalla valanga
Il video di Franco Bechis

L'accusa di Gabrielli - Immediata è arrivata però la replica della Protezione Civile:  "Il sindaco aveva pienamente compreso  la situazione a Roma. Conoscenva le previsioni".  "Dalle registrazioni del Comitato operativo che si  è svolto nella serata di giovedì 2 febbraio, allargato per l'occasione a Roma Capitale e al quale ha partecipato lo stesso sindaco - riferisce la Protezione civile - traspare chiaramente come il sindaco avesse pienamente compreso la situazione previsionale. Per   le interlocuzioni avute nella serata e nella nottata, dopo che la   situazione era degenerata, si registrano, al contrario, alcuni dubbi   sulla adeguatezza del sistema anti-neve della capitale". Per il Dipartimento, "stupiscono ulteriormente le affermazioni   del sindaco dal fatto che, anticipatamente, aveva sospeso le attività  didattiche; inoltre sull'home page del comune di Roma si legge "come previsto dai bollettini meteo, le precipitazioni nevose hanno  investito anche la Capitale". Un ripensamento?", si chiede ironicamente la nota della Protezione civile.

Ironie sul web - L'emergenza neve a Roma ha scatenato anche le ironie del web. Su Internet è stato creato un falso profilo Twitter del sindaco Alemanno. Il fake è "Aiemanno" e venerdì pomeriggio scriveva "Emergenza neve: abbandonate la città. Io sono già a Milano". Agli studenti: "spero siate andati bene il primo quadrimestre le scuole rimarranno chiuse per sempre" oppure "Si prega di segnalare persone particolarmente bisognose di soccorso: bimbi, anziani, ammalati. Zingari, negri, omosessuali". Il sindaco Alemanno non l'ha presa bene e sul suo vero profilo Twitter ha segnalato e denunciato "tale abuso". "Vi segnaliamo una gravissima sottrazione di identità verificatasi sul Social Network Twitter, ed avvenuta tramite una combinazione per niente casuale delle lettere del cognome del sindaco Gianni Alemanno" aggiunge il primo cittadino. Al primo cittadino sono arrivati pure gli sfottò della Lega: "Alemanno venga da noi al nord e gli insegneremo a fare il sindaco e a spalare la neve" ha attaccato Gianluca Buonanno. deputato del Carroccio e sindaco di Varallo. "Alemanno la smetta di lamentarsi e si arrangi senza chieder altri soldi e aiuti, come è abituato a fare" ha rincarato la deputata e prima cittadina di Arcole Giovanna Negro". Alemanno non l'ha presa bene, ribadendo che "Roma è stata letteralemnete abbandonata a se stessa".

Attesa una nuova nevicata - Secondo le   previsioni meteo, le nevicate sulla città di Roma potranno proseguire  per l’intera mattinata anche se con intensità decrescente.  Viabilità Italia, il Centro di coordinamento istituito presso il Viminale, "in considerazione della situazione generale" determinata dal maltempo "rinnova l'invito agli automobilisti ed ai conducenti professionali a non mettersi in viaggio verso l’area del centro Italia, atteso che l'estensione della perturbazione e la sua persistenza rendono indisponibili tratti di carreggiata autostradale con conseguenti inevitabili disagi per la fluidità della circolazione". Ma quello che Roma teme adesso teme è il calo della colonnina di mercurio, che secondo le previsioni dovrebbe scendere fino a -7°C tra domenica e lunedì e tra gli abitanti di alcune zone della città cresce la paura di rimanere senza generi di prima necessità e alcuni supermercati, dove si presentano lunghe file, sono stati presi d'assalto.

Guarda il video su LiberoTv: Fiorello "Roma sembra Cortina"

Treni soppressi e voli annullati - Numerosi treni sono rimasti   bloccati a causa del maltempo a Roma. Gli agenti della Questura sono   intervenuti nei pressi della stazione Giustiniana per prestare   soccorso a circa 300 viaggiatori provvedendo a rifocillare e   convogliare i malcapitati verso le loro destinazioni. Si è   provveduto, a Zagarolo, a prestare soccorso ad un altro convoglio con   oltre 400 persone a bordo, facilitando le operazioni di trasbordo dei   passeggeri su un altro treno. Presso l’aereoporto di Ciampino sono stati annullati 3 voli ed i  passeggeri sono stati posti nelle condizioni di poter trascorrere una   notte al caldo in attesa della nuova riapertura dell’aereoscalo. All’aeroporto di Fiumicino diverse persone impossibilitate   a raggiungere le proprie destinazioni per mancanza di mezzi pubblici   sono state assistite da personale della polaria. I numerosi mezzi  pesanti bloccati sulla via Pontina sono stati fatti defluire da   personale delle Volanti e delle autoradio dei commissariati ma la   viabilità è solo ripristinata parzialmente. Presso la Stazione dei   Treni di S.Pietro a causa di due convogli annullati sono stati   soccorse circa 150 persone, tranquillizzate e poste in condizioni di poter attendere il convoglio successivo.

Fermi sul Gra per 10 ore - Numerosi automobilisti sono rimasti  bloccati sul Gra per oltre 10 ore. Diversi conducenti sono stati   soccorsi dal Reparto Mobile della Questura di Roma, intervenuto con   mezzi Land Rover. Gli agenti hanno prestato ausilio alla stradale in   via Cassia, scortando autobotti della Protezione civile e rifornendo   e soccorrendo numerosi automobilisti rimasti sul Gra.  In particolare sono stati controllati oltre 200 veicoli   abbandonati sul Raccordo, altri 20 di veicoli sono stati rimessi nelle  condizioni di ripartire, 20 persone sono state riaccompagnate a casa   di cui 2 minori. Sono stati soccorsi un adulto all’ospedale Gemelli ed  un minore al S.Andrea in piena crisi respiratoria, due operai Acea   accompagnati al posto di lavoro per effettuare anch’essi operazioni di  soccorso. Personale degli artificieri ha accompagnato una famiglia con  un bimbo di 2 giorni presso la propria abitazione a Bracciano. Questa mattina, comunque, si sono normalizzate le condizioni del Gra dove3 sono obbligatorie catene a bordo o pneumatici da neve in città. Chiuso l’asse di   penetrazione urbana dell’A24. Il traffico circolante in A1 su entrambe  le direttrici verso Roma può entrare in città attraverso le Barriere  di Roma Sud e di Roma Nord, percorrendo la 'bretella' Fiano Romano-San  Cesareo.

Venticinque mila richieste d'aiuto -  La centrale operativa dei Carabinieri di Roma dalla giornata di ieri ha ricevuto oltre 25mila chiamate di soccorso legate all’emergenza neve: le situazioni più critiche sono state quelle relative ad alcuni convogli ferroviari rimasti bloccati lungo i binari. I militari, in particolare, hanno aiutato un’ambulanza che stava trasportando un passeggero affetto da problemi cardiaci, che si trovava a bordo di un treno fermo all’altezza di Zagarolo, a raggiungere l’ospedale Forlanini di Roma organizzando una "staffetta" e facendogli strada. I carabinieri sono intervenuti anche in ausilio dei passeggeri del treno regionale Roma-Viterbo rimasto bloccato a Cesano: intorno alle 4 di stamattina la situazione si è avviata a soluzione grazie anche all’intervento dell’Esercito Italiano. 400 persone sono state trasportate alla Scuola di Fanteria di Cesano. Criticità si sono registrate anche all’ospedale di Subiaco dove si è verificato un black out, con i carabinieri che si sono immediatamente attivati per rifornire continuamente di gasolio il generatore dell’ospedale. Alcuni pazienti sono stati trasferiti in vari ospedali grazie a mezzi dell’Arma e della Protezione civile. Anche una donna, in stato di gravidanza e con le doglie, è stata trasportata in ospedale dai Carabinieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • helpid

    05 Febbraio 2012 - 20:08

    dopo aver sparato la sua filippica, l'alalè si scorda di coloro - oltre 2500 - che si tengono le palle in mano senza fare un c@@ dopo essere stati iper-sistemati nelle aziende romanike!! Ed al romaniko italiota non rimarrebbe che ..spalare le stronzate dell'alalè?? Er sor sindaketto non si era accorto che già da 2-3 giorni prima della nevicata di venerdì intorno Roma nevicava di brutto tanto che tanti lavoratori non riuscivano a raggiungere la capitale. Molti di questi - iperprotetti dal famoso art. 18 - si mettevano in malattia - per neve - per non rimetterci la giornata persa di lavoro. Ed ancora, gli schettini alemanniani, nonostante le decine di migliaia di malattie ritenevano che se fosse arrivata la neve anche arroma, se la sarebbero cavata col solito bell'inchino! Ma stavolta la neve impunemente oltrapassa i limiti fisici del grande raccordo anulare e mette in ginocchio la capitale! Attento sor alalè a distibuire pale e badili, potresti avere di ritorno camionate di badilate!!

    Report

    Rispondi

  • vinpac

    05 Febbraio 2012 - 09:09

    Non condivido nulla della gestione amministrativa inconcludente ed inconsistene di Alemanno, sindaco di Roma. E' meglio non parlare della sua linea politica assurda ed autolesionistica, come quella di tutti gli ex AN, vincolati al traballante carro berlusconiano. Non comprendo, però, perchè debba essere demonizzato solo lui (se ci fosse stato Veltroni probabilmente con una sua frase avrebbe sciolta la neve) e non debba levarsi da nessun quotidiano una ancora più forte censura all'amministratore delegato delle Ferrovie Moretti, che ha costretto all'addiaccio centinaia di poveri utenti. Passera ha distrutto le Poste come servizio pubblico e Moretti ha ridotto le Ferrovie nelle linee regionali al livello di IV mondo. Vincenzo Pacifici

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    04 Febbraio 2012 - 21:09

    Da una settimana, previsioni del tempo e protezione civile aveva avvertito dell'arrivo di forte nevicate e forte precipitazione delle temperature. Gli avvertimenti sono stati presi alla leggera.

    Report

    Rispondi

  • castalia

    04 Febbraio 2012 - 20:08

    i difetti della sxa mai evidenziati eppure trans, disastri a Genova, monnezza a Napoli che carichiamo su costosissime navi e mandiamo a incenerire nel nord Europa con spese per le tasche degli italiani eppure tutti zitti!!!! La cassazione derubrica lo stupro di gruppo e la Bindi neanche una parola!!! Il popolo viola neanche una parola!!! Quelle del "se non ora quando" neanche una parola! Berlusconi considerato un vecchio satiro mentre le toghe con gli ermellini devastano la sicurezza delle donne. Ma che c.......o di paese è questo e che c........o di stampa indipendente abbiamo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog