Cerca

Ecco cosa fa ora Er Pelliccia

Fabrizio Filippi, simbolo degli scontri di Roma del 15 ottobre: il ragazzo con l'estintore, arrestato, ora è a casa con obbligo di firma

Ecco cosa fa ora Er Pelliccia

Da novembre su Fabrizio Filippi è calato il silenzio. Così il Pelliccia, il ragazzo che il 15 ottobre scorso con l'estintore in mano e il voto coperto da una sciarpa è diventato il simbolo della rivolta violenta dei giovani in piazza San Giovanni a Roma contro stato e polizia è tornato ad essere quello che è, un anonimo 23enne studente un po' annoiato, romano e di famiglia medio-borghese. La sua foto ha fatto il giro d'Italia, l'aveva inviata un lettore de Il Giornale e in breve finì in mano agli inquirenti che lo identificarono e lo arrestarono. Accusa di resistenza pluriaggravata a pubblico ufficiale. Rischia da 3 a 15 anni di carcere. Due ragazzi oggi sono stati condannati rispettivamente a 5 e 4 anni per gli stessi gesti, negli stessi luoghi, quello stesso pomeriggio. E lui, il Pelliccia, che fine ha fatto?

Scarcerato - Filippi è a casa, a Bassano Romano, ed è ancora iscritto all'università (anche se un po' in là con gli anni...). Lo scorso novembre il gip ha deciso di scarcerarlo: "Libero con obbligo di firma tre volte alla settimana". Libero perché avrebbe raggiunto "un adeguato livello di consapevolezza". Appena fuori dal carcere, fu intervistato da Repubblica e spiegò di essersi pentito, di "aver perso la testa" una volta coinvolto per caso nella protesta di piazza. "Non mi sono reso conto per tempo di quello che stavo facendo e delle conseguenze", disse, prendendo le distanze dei black bloc. "Non ne faccio parte. Non condivido le loro azioni e la loro violenza. E non hanno il coraggio di manifestare a volto scoperto". In realtà, anche lui aveva il volto coperto. "Non portavo cappucci, solo una sciarpa ed ero riconoscibile facilmente. Infatti mi hanno arrestato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gangelini

    22 Aprile 2012 - 00:12

    Ma si e' solo un bravo ragazzo, pero' ha brutte frequentazioni. Se si pente non fanno niente e lo rispediscono a casa. E' un ragazzo di sinistra che puo' devastare una citta', bruciare furgoni della carabinieri, tirare estintori alle forze dell'ordine; lui puo' noi no.

    Report

    Rispondi

blog