Cerca

Roma, maxi-rissa romeni e bosniaci con spranghe e coltelli

Al quartiere Magliana due bande dell'Est si sfidano a colpi di bastoni e coltelli: tutti arrestati

Roma, maxi-rissa romeni e bosniaci con spranghe e coltelli
Mazze di ferro, bastoni di legno, cric e coltelli. Sono le armi usate nella maxirissa, scoppiata in via della Magliana, che ha visto protagonisti cittadini romeni e bosniaci, che si sono affrontati senza esclusione di colpi e senza curarsi dei numerosi passanti.  A notare l’incredibile scena e a dare l’allarme al 112 è stato un maresciallo del Nucleo operativo dei carabinieri della Compagnia Roma Trastevere che si è trovato a passare in auto, al culmine del furibondo scontro, mentre era diretto in caserma. Numerose le persone rimaste intrappolate "tra i due fuochi" e che, spaventate, hanno cercato riparo accovacciandosi tra le auto in sosta. Il militare ha immediatamente chiamato rinforzi tramite la Centrale operativa del Comando provinciale ed è intervenuto riuscendo a fermare quattro romeni, di età compresa tra i 14 e i 38 anni.

Gli arresti 
Tre bosniaci di 20, 30 e 45 anni che avevano preso parte attiva alla rissa, in un primo momento, sono riusciti a scappare a bordo di un’auto, bloccata poco dopo da un equipaggio di carabinieri del Nucleo radiomobile di Roma. Tutti i 'litigantì sono dovuti ricorrere alle cure mediche per le lesioni riportate. Alla base del violento scontro ci sarebbero screzi legati alla convivenza nel campo nomadi di via Luigi Candona, dove la maggior parte di loro sono domiciliati. Sul "campo di battaglia" è rimasto un vero e proprio arsenale, successivamente sequestrato dai militari.   I sei maggiorenni sono stati arrestati con l’accusa di rissa aggravata: uno di loro, il bosniaco 45enne, è stato denunciato anche per resistenza a pubblico ufficiale, essendo alla guida dell’auto con cui lui e i suoi connazionali hanno tentato di scappare nonostante l’alt imposto dai carabinieri. Il minorenne è stato denunciato a piede libero, sempre per rissa aggravata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fossog

    18 Aprile 2012 - 16:04

    Arrestati e rimandati a casa loro, voglio sperare....

    Report

    Rispondi

  • mab

    07 Aprile 2012 - 12:12

    non vale la pena che poliziotti o carabinieri rischino la vita per questo letame immondo, in attesa che il buddah immobile e preposto si accorga (???) della insostenibiltà nel tenerci a casa parassiti.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    05 Aprile 2012 - 00:12

    'so risorse!

    Report

    Rispondi

  • lucy

    04 Aprile 2012 - 18:06

    si scannassero pure fra loro!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog