Cerca

Giovane Holden, niente sequel

Il giudice lo blocca: è orrendo

Giovane Holden, niente sequel
Niente pubblicazione, almeno per ora, negli Stati Uniti per il seguito non autorizzato del romanzo ‘Il giovane Holden’ di Jerome David Salinger,scrittore americano novantenne che da più di mezzo secolo vive autorecluso. Anche il ricorso in appello contro il divieto emesso a luglio dal giudice newyorchese Deborah Batts ha confermato che il libro di Fredrik Colting ‘60 Years Later: Coming Through The Rye’ è troppo simile all'originale di Salinger. “Tra l'altro è un libro veramente orrendo”, ha detto il giudice d'appello Guido Calabresi, sostenendo che il sequel costituisce un danno evidente al lavoro di Salinger, che ha fatto causa a Colting per plagio subito dopo aver appreso le prime anticipazioni sul romanzo. Gli avvocati dello scrittore svedese Fredrik Colting hanno fatto appello contro il divieto emesso due mesi fa dal giudice Batts contro la pubblicazione negli Usa di ‘60 Years Later: Coming Through The Rye’, che a giugno è uscito in Gran Bretagna. Ma la corte di New York presieduta da Guido Calabresi considera il sequel “un danno irreparabile” per Salinger, tanto da ritenere fondato il divieto di pubblicare la parodia che presenta il protagonista creato da Salinger, Holden Caulfield, ormai decisamente invecchiato. Nel tribunale d'appello di New York gli avvocati di Colting, noto con lo pseudonimo di John David California, hanno sostenuto che il romanzo del loro assistito non danneggia il copyright di Salinger, poichè ‘60 Years Later: Coming Through The Rye’ “trasforma profondamente la storia iniziale”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog