Cerca

I visionari Nouveaux Réalistes

Festeggiano i 50 anni

I visionari Nouveaux Réalistes
Il movimento artistico del Nouveau Realisme compie i suoi primi 50 anni. Per celebrare l’avvenimento la Galleria Agnellini Arte Moderna di Brescia si prepara a festeggiarne il compleanno in grande stile, con una mostra storica davvero unica nel genere. Del resto la galleria bresciana è diventata ormai un punto di riferimento e di fiducia per gli appassionati dell'arte, e grandi sono le aspettative per questa  collettiva curata da Dominique Stella, Il Nouveau Réalisme (I cinquant’anni, 1960-2010). La mostra riunisce tutti i più importanti esponenti di questo straordinario movimento ed è realizzata con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Brescia, Sindaco On. Avv. Adriano Paroli e Assessore Andrea Arcai, e del Centro Culturale Francese di Milano. Protagonisti assoluti della rassegna sono i cosiddetti 'Nouveaux Réalistes', di cui si possono ammirare oltre cinquantainteressanti opere: Arman, César, Christo, Gérard Deschamps,François Dufrêne, Raymond Hains, Yves Klein, Martial Raysse, Mimmo Rotella, Niki de Saint Phalle, Daniel Spoerri, Jean Tinguely e Jacques Villeglé. Tutti i lavori selezionati, fra cui alcuni degli anni ’50,sono di grande valore artistico e storico. In più, per questa occasione Jacques Villeglé ha creato appositamente un inedito, che comprende tutti i  nomi degli artisti presenti, realizzato tramite i suoi segni socio politici. Césare Arman affrontano il problema della produzione industriale e del suo riciclaggio: l’invasione del prodotto di massa e dei relativi scarti sono i principali temi al centro della loro ricerca. Strumenti meccanici e motociclette ma anche oggetti di uso quotidiano, come utensili da cucina, tessuti, cartone, ferri e rottami, compressi o assemblati, nell’esaltazione totale della bellezza industriale. Il Nouveau Réalisme, commenta Dominique Stella, “è un movimento di pensiero che la personalità di Pierre Restany ha concettualizzato attraverso un discorso e una riflessione che hanno messo in discussione la pittura e le pratiche artistiche della fine degli anni 50”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog