Cerca

Il percorso di Adamo Iotti

nella 'Cittadella' di Crema

Il percorso di Adamo Iotti

La Cittadella della Cultura di Crema (Cremona) da sabato 26 settembre all’11 ottobre ospita la mostra antologica firmata da Adamo Iotti. Si tratta di un ‘percorso’ postumo dell’artista, nato a Novellara, centro della bassa pianura emiliana, nell’aprile del 1947. Dopo studi scientifici si laurea in Medicina Veterinaria e mentre dedica la sua vita alla famiglia e agli animali coltiva la forte passione per la pittura, frequenta musei e gallerie e inizia a realizzare i suoi primi schizzi. Siamo alla dine degli anni 70. E Iotti ormai vive a Crema, la città che lo ha adottato insieme alla moglie Lorenza e al figlio Sebastiano, nato nel 1982. Adamo stringe intanto amicizia con gli artisti di area milanese e fiorentina e abbraccia l’area della Nuova Figurazione. Le sue opere sono tutte legate da un sottile fil rouge, la convinzione che l’arte debba sempre avere un contenuto etico.

La prima mostra personale del pittore-veterinario risale al 1990, a Milano, presso la Galleria-Libreria Buchmesse. Nel 1992 espone, con il patrocinio  del comune di Guastalla, alla Galleria Cesare I Gonzaga; nel 1994 a Roma, alla Galleria Del Bufalo e nel 1996 a Milano, alla Galleria Ciovasso. È l’anno della svolta: il rapporto con la pittura, per Iotti, si fa sempre più intimo, interiore, una simbiosi esclusiva. Adamo decide dunque di sospendere ogni attività espositiva personale. Ma su invito non si nega a rassegne di carattere nazionale. Nel 1996 riceve il premio Morlotti a Imbersago e nel 1999 il Premio pittura Città di Lissone. Nella primavera del 2006 distrugge una copiosa serie di opere in cui non si sente più autenticamente rappresentato. A novembre dello stesso anno muore a Chieve, alle porte di Crema. Che ora regala al suo artista “un percorso” tutto personale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog