Cerca

Lisippo, il mozzo che lo pescò se lo riprende

"Urlerò a tutti che quella statua deve tornare in Italia"

Lisippo, il mozzo che lo pescò se lo riprende
“Mi metterò sotto il Lisippo, vestito con uno smoking e urlerò a tutti che quella statua, come peraltro ha stabilito il tribunale di Pesaro, deve tornare in Italia. È dell'Italia. Dirò agli americani, sotto la statua, indicandola, che quella meraviglia l'ho tirata io fuori dal mare 46 anni fa, l'ho ripescata io e che appartiene a noi, agli italiani”. Athos Rosato, 61 anni, il mozzo del “Ferri Ferruccio”, che pescò dal mare l'Atleta Vittorioso attribuito a Lisippo, impigliato in una rete da pesca, coperto di ostriche e incrostazioni, ha le idee chiare: vuole andare al Getty Museum di Malibù e recuperare la statua bronzea.

Dopo il ritrovamento, il Lisippo venne sepolto in un campo di cavoli e venduto a distanza di un anno per tre milioni di lire a un antiquario di Gubbio. Dopo il processo a tre commercianti, che si concluse con un'assoluzione, l'Atleta Vittorioso venne acquistato per circa quattro milioni di dollari ed esposto al Getty Museum.

La confisca
- Il mese scorso il gip del Tribunale di Pesaro con un'ordinanza ha disposto la confisca della statua “ovunque essa si trovi”. Il museo tenta di opporsi con un ricorso in Cassazione e il 16 aprile a Pesaro si terrà l'udienza camerale davanti al gip Raffaele Cormio per decidere sulla richiesta di sospensione della confisca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog