Cerca

Gianluca Grignani molestato all'età di 10 anni

Un libro biografico in cui il cantautore milanese si racconta senza censure e paura

Gianluca Grignani molestato all'età di 10 anni
“Era il 1982, l’estate dei mondiali, facevo un corso di tennis con il Coni… Un ragazzino più grande mia aveva preso di mira, era omosessuale e pedofilo, ci provava con me e, dal momento che non ci stavo, mi picchiava”.  E ancora: “Si sedeva sopra di me e mi insultava perché non avevo un’erezione. Tutto questo durò per oltre due settimane".

Sono queste le parole del cantautore Gianluca Grignani che dopo tanti anni esce allo scoperto e racconta la sua storia nel libro “La mia storia tra le dita”, titolo anche di una celebre canzone, in uscita il 22 settembre. Ma nel libro ci sono descritti anche i primi successi musicali, la vita da padre di tre figli e la serenità anche grazie alla moglie Francesca madre dei suoi tre figli.

Certamente un episodio difficile da superare e raccontare nonostante dopo molti anni la sofferenza sia finita. Il 38enne lombardo si racconta così senza vergogna e censure: infatti, dopo il successo iniziale di Destinazione Paradiso, che ha venduto oltre 3milioni di copie, la notorietà e la vita da rock star gli ha preso troppo la mano portandolo a compiere delle scelte sbagliate: droga, alcol e sesso. Più volte si è buttato in storie di sesso che lui stesso ha definito “non vere”. E poi problemi giudiziari. Insomma: tutto l’opposto di adesso.

Lo scorso 10 settembre è stato pubblicato il singolo “Sei Unica” tratto dall’album “Romantico Rock Show”, uscito a gennaio. Il brano è stato registrato alla Fabbrica del Suono, lo studio di registrazione che il cantautore milanese ha costruito vicino alla sua casa di campagna dove vive con tutta al famiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Free2010

    22 Settembre 2010 - 10:10

    Come spesso succede si confonde in modo vergognoso tra pedofilia e omosessualita', che sono due cose ben diverse (tant'e' che la prima e' un disturbo mentale e un reato, la seconda no). La stragrande maggioranza di abusi su bambini avviene in famiglie del tutto 'normali', non tiriamo dentro gli omosessuali anche in questo, come fa spesso la Chiesa per puntare il dito verso qualcunaltro.

    Report

    Rispondi

    • auroravilardo

      14 Luglio 2014 - 11:11

      Non è stato detto nulla contro gli omosessuali... Perché subito si tende a puntare il dito? Voglio dire, se il pedofilo era uomo e pretendeva di avere un erezione con un altro uomo, evidentemente non era etero!

      Report

      Rispondi

  • cristalline

    22 Settembre 2010 - 01:01

    ho partecipato a muovi la pedina e sono rimasta attonita nel vedere che molti si sono dichiarati allegri leggendo l'articolo, ma di che? vi chiedo: allegri che una persona,chiunque essa sia, da bambino/a abbia subito abusi sessuali?

    Report

    Rispondi

  • jack1980

    21 Settembre 2010 - 22:10

    Ok come problemi l'alcol e la droga, ma dove sarebbbe in problema col sesso? Lo puoi fare con una ragazza che magari non ti interessa granché, ma anche in quel caso alla fine di preciso quale sarebbe il problema?

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    21 Settembre 2010 - 21:09

    Chi non si è sentito sfiorare da un prete, uno scout o un vecchietto da giovane? Tutte le scuse son buone per andare sui giornali. Peroperi

    Report

    Rispondi