Cerca

In mostra la Madonna con Hitler in grembo

Tra provocazione e polemiche, Vittorio Sgarbi inaugura a Salemi la personale di Giuseppe Veneziano

In mostra la Madonna con Hitler in grembo
Chi si era scandalizzato per l'Hitler genuflesso di Maurizio Cattelan rabbrividirà di fronte al Fuhrer nazista, al posto del Bambin Gesù, tra le braccia della Madonna. La provocazione arriva dall'artista Giuseppe Veneziano, autore dell'opera, e dal critico d'arte e sindaco di Salemi, Vittorio Sgarbi che domani inaugurerà la mostra personale del pittore nisseno. Il dipinto, tacciato di blasfemia, sarà esposto all’interno del Polo Museale dell’ex Collegio dei Padri Gesuiti, nonostante il veto di prelati ed esponenti politici.

"La Madonna del Terzo Reich - spiega Sgarbi - ha i colori e lo spirito di un fumetto. Nulla di stravagante, e nulla di provocatorio. Anche Hitler fu bambino; e il Male, nella concezione teologica del Cristianesimo, è una presenza imprescindibile come il demonio nell’iconografia religiosa. Ma, si dirà, la sostituzione del Bambino Gesù con un piccolo Hitler è blasfema, inaccettabile, impossibile. Sarà. Ma, in tutta evidenza, la sostituzione è sottilmente provocatoria, non insolente. Determina stupore, più che orrore. E chiama un sorriso. Dio non ha paura di nessuna creatura, neanche della più feroce".

A Salemi Veneziano ha trovato l'ospitalità che altri gli hanno negato: "Il Comune di Pietrasanta che aveva patrocinato la mostra dell’artista - rivela Sgarbi - non è stato in grado di sostenere la prova e ha ceduto alle polemiche di chi ha visto il dipinto come una bestemmia. Questo ha favorito Veneziano. E ha determinato una particolarissima fortuna per la sua opera nel consueto equivoco generato dalla censura. L’indignazione del vescovo e di molti devoti ha potenziato l’effetto dell’opera. Le trovate di Veneziano sono provocazioni intellettuali che non ribaltano il rapporto inevitabile e necessario tra il Bene e il Male - aggiunge il critico. Non sono minacce all’ordine del mondo e ai valori tradizionali. Neppure dissacrazione, non esaltazione del male, nulla che non sia gioco".

Nel 2009 la tela aveva già scatenato una vera bufera religiosa e politica, in occasione della sua esposizione ad ArtVerona. Il sindaco Flavio Tosi l’aveva definita “un'opera chiaramente blasfema. In quel quadro non c'è niente di artistico e di bello: se dipendesse da me, farei coprire quel dipinto. In questo modo l'autore ha esattamente ottenuto il risultato che si era prefisso, cercando provocatoriamente pubblicità proprio attraverso l'offesa alla religione cristiana". Veneziano aveva difeso la sua arte: "Spesso i miei quadri vengono etichettati troppo in fretta. Hitler è un pretesto per catturare l'attenzione su un personaggio della storia ancora irrisolto. L'arte deve suscitare delle reazioni nello spettatore, deve far nascere una discussione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ermejodetodo

    18 Ottobre 2010 - 10:10

    Tanto per cominciare l'Arte è l'espressione del proprio Essere Veri,poi ogniuno la manifesta come meglio crede. Il fatto del "blasfemo"...? Penso che i TG siano più "blasfemi" di un quadro come questo...,se questo è "blasfemo" anche quelli di Picasso e di tutti gli altro Artisti Naif lo sono...eh eh eh In risposta a Franziscus,penso che di arte ne capisca poco...se per lui l'arte è una cagata,allora non sa apprezzare neanche la musica di qualsiasi genere. I critici d'Arte (tutte le Arti) sono persone che hanno studiato e spiegano quello che l'autore vuole dire;non si diventa critico d'arte se sei un ignorante come sembri tu caro il mio Franz... Ho fatto il Conservatorio e ti posso dire che la strada dell'Arte è molto dura e lunga.

    Report

    Rispondi

  • Chaim

    13 Ottobre 2010 - 16:04

    Tu di cose non ne hai capite tante, ma che vuoi farci...

    Report

    Rispondi

  • tizziocaio

    04 Ottobre 2010 - 15:03

    se qusta e' arte !!!!!!!!????? dalla figura non sembra. Se vuole essere arte provocatoria.... forse riesce a far parlare di se, che la madonna e' la madre di tutti sicuramente e' anche sua , ebbene o "tutti gli scorfani sono belli a mamma sua" o "non sembre si partorisce cio' che si vuole" una cosa e' certa.... se e' nato con la "ss" in testa di certo non era solo, di certo qualcosa o qualcuno ha fovorito certe idee, eppure tutti sono nati dalla stessa madre, perche' Hi come altri, ed in sieme a loro ha fatto cio' che ha fato? ci sono state cause che hanno alimentato quell'odio tale? , quali cause sono state?, convengo con tutti voi che e' stato un malefico, ma malefici si nasce o si diventa? posso immaginare che nasce o e' poi diventato un pazzo, va bene, ma come ha fatto a convincere altri 5milioni ha impazzire come lui? qualcosa di certo ha alimentato la sua pazzia.Ecco da un quadro ad una riflessione!!!

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    02 Ottobre 2010 - 00:12

    Cosa non si farebbe per andare sui giornali e guadagnare due lire. Non mi indigno perche' non me ne puo' calare di meno ma certamente la pittura è un'altra cosa. Mi piacerebbe sapere il parere dei critici o del pittore stesso circa il messaggio che si vuole trasmettere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog