Cerca

'Libero' al Festival del Giornalismo di Perugia

Al via la 5° edizione. Morigi e Specchia presentano il libro 'Media Oriente'. Presenti anche Cervo, Facci e Nuzzi

'Libero' al Festival del Giornalismo di Perugia
Mercoledì 13 aprile, a Perugia, si aprirà la quinta edizione del Festival internazionale del giornalismo, in programma fino a domenica. Gli eventi organizzati sono oltre 140, e più di 300 tra giornalisti ed esperti parteciperanno ai cinque giorni di incontri e dibattiti, tavole rotonde, interviste, presentazioni di libri, workshop, proiezioni di documentari, concorsi, premazioni e mostre.

'MEDIA ORIENTE' - Dalla redazione di Libero, a Perugia, arriveranno diversi giornalisti. Il primo incontro sarà giovedì pomeriggio con Andrea Morigi - sulle nostre pagine scrive di diritti umani, immigrazione, sicurezza e terrorismo - e Francesco Specchia, che si occupa di informazione, mass media e politica. Il dibattito, alle 16.30 presso la Sala Lippi, sarà l'occasione per presentare Media Oriente, libro firmato da Morigi e Hamza Boccolini - giornalista di Adnkronos International, presente in sala. L'analisi di Morigi e Boccolini tratta delle "storie e delle controcronache delle televisioni islamiche, dal pulpito di Al Jazeera alle notizie senza velo di Al Arabiya, dai cartoon kamikaze ai reality coranici", fino "alla propaganda americana accesa da Al Hurra". Ovvero "come i satelliti divennero scimitarre e le parabole scudi nell'ultima guerra dei palinsesti". Specchia, autore di un'introduzione a Media Oriente, è direttore della collana MediaMursia con cui è edito il saggio. Specchia modererà anche l'incontro di giovedì alle 10.30, presso la Sala dei Notari, Laboratorio Italia: cosa accade al giornalismo quando un tycoon entra in politica? All'incontro prenderanno parte Orazio Carabini (vice direttore de L'Espresso), Luigi Contu (direttore dell'Ansa), John Lloyd (drettore del Reuters Institute for the Study of Journalism), e Mario Orfeo (direttore del Tg2).

IL 'SUCCESSO' DI OBAMA - Sempre giovedì e sempre alle 16.30, presso la Sala dei Notari, il caporedattore centrale della redazione milanese di Libero, Martino Cervo, parteciperà al dibattito Cosa resterà di questi anni di Obama?. La campagna per le presidenziali Usa del 2008 sembrava aver segnato una rivoluzione, mediatica e politica, nel segno dell'astro nascente del partito democratico statunitense. Ma quello di Obama è davvero un successo? Un tema che Cervo ha affrontato nel libro - edito da Rubettino, scritto con Mattia Ferraresi e con un introduzione di Giuliano Ferrara - L'irresistibile ascesa di un'illusione. Al dibattito, insieme al caporedattore centrale di Libero, Gianni Riotta, Matteo Marchetti (Ribalta, Radio Popolare Roma), Christian rocca (Il Sole 24 Ore) e Luca Sappino (Ribalta, Radio Popolare Roma).

FACCI E NUZZI - Sabato alle 18.30, all'Hotel Brufani, l'editorialista di Libero, Filippo Facci (insieme a Peter Gomez del Fatto Quotidiano, Stefano Menichini, direttore di Europa, e Luca Sofri, fondatore de ilpost.it) discuteranno del primo anno di vita de ilpost.it, giornale e aggregatore di notizie online che nacque proprio alla vigilia del Festival di Perugia del 2010. Al Teatro Pavone, sabato sera alle 21, si terrà un incontro-intervista tra l'inviato del nostro quotidiano, Gianluigi Nuzzi, e il magistrato calabrese Nicola Grattieri, procuratore aggiunto presso il Tribunale di Reggio Calabria, sotto scorta dal 1989 e in prima linea nella lotta contro la 'ndrangheta. Al centro del colloquio ci sarà Metastasi, il libro scritto da Nuzzi e Claudio Antonelli di Libero, "un viaggio nella 'ndrangheta del nord Italia".

ANTEPRIMA DI SAVIANO - Il primo appuntamento del Festival si terrà martedì sera: un'anteprima nella quale Roberto Saviano aprirà i dibattiti parlando della "macchina del fango", che è tale a patto che non venga messa in moto dalle pagine di Repubblica, il Fatto Quotidiano oppure dallo studio di Annozero. L'autore di Gomorra ha scelto così il palcoscenico di Perugia per impartire una nuova lezione di morale ai giornalisti, ai quali vuole insegnare come combattere, appunto, "il fango".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog