Cerca

Il 'Chesterton Day' per riscoprire un autore sublime

A Roma un seminario per celebrare l'autore cattolico per eccelenza. Calvino di lui disse: "Avrei voluto essere il Chesterton comunista"

Il 'Chesterton Day' per riscoprire un autore sublime
"Ciò che non va nel mondo" è, più che altro, ciò che non va in noi, perché il mondo più giusto per discutere il male che ci affligge, è quello di chiedersi non ciò che c’è di sbagliato nel mondo, ma quel che vi è di giusto e di bello. Un paradosso? D’altronde lo ha scritto G.K.Chesterton, che di paradossi è stato – e resta – un maestro indiscusso e insuperato.

Questo autore cattolico per eccellenza, per lunghi decenni scomparso dagli scaffali delle librerie e dalle liste dei libri più letti, in realtà oggi viene riscoperto dagli editori, ma le schiere dei suoi lettori, anzi, di coloro che ne hanno sviluppato una specie di dipendenza, non si sono mai ridotte, se non in Italia, in Europa e negli States, come dimostra il prestigioso Chesterton Institute della Seton Hall University e la Chesterton Review.

Ma oggi si è celebrato un vero e proprio Chesterton Day a Roma, presso la meravigliosa sede della Civiltà Cattolica, la storica rivista dei gesuiti, con la collaborazione di Rubettino Editore e l'Associazione BombaCarta, con un seminario animato da numerosi e qualificati interventi coordinati dal Prof. Andrea Monta - Docente della Pontificia Università Gregoriana. A seguire una Tavola Rotonda con moderatore P. Antonio Spadaro S.I. di Civiltà Cattolica. E il tema portante del seminario è stato proprio la “lettura” del grande scrittore su quel che non va nel mondo, titolo di un suo importante saggio, introdotto da Padre Ian Boyd, presidente del Chesterton Institute, il quale ha messo in rilievo un concetto-base dell’analisi chestertoniana: "L’eresia moderna per lo scrittore è un mancato rispetto del carattere sacro della persona umana". 

Cosa c’è davvero di sbagliato nel mondo, al tempo di Chesterton come ai nostri giorni, cosa può fare davvero male, si è chiesto padre Spadaro. Togliere il senso della meraviglia, dello stupore, cancellare l’idea che la vita  è un’avventura che suscita continua sorpresa e umile gratitudine, che la famiglia è un’autentica rivoluzione. Non c’è gioia maggiore di quella del puro “esserci”, perché, come ricordava Borges citando il suo maestro inglese: “Tutto passerà, resterà solo lo stupore, lo stupore per le cose quotidiane”. Vale pena, allora, di tornare a tuffarsi nelle pagine di questo scrittore che non si ama soltanto, ma chi ti inchioda, ti accompagna, ti salva la vita, come hanno raccontato alcuni dei partecipanti al Chesterton Day. E di cui  uno come Italo Calvino ha detto una volta: "Avrei voluto essere il Chesterton comunista".

di Caterina Maniaci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    23 Maggio 2011 - 19:07

    Ahimè, è vero, l'ho pestata... T'ho fatto male?

    Report

    Rispondi

  • angeloparatico

    22 Maggio 2011 - 03:03

    Infatti, lei che vaga nelle tenebre forte del suo latinorum ha chiaramete pestato una cacca. Et nunc erudimini.

    Report

    Rispondi

  • Filips

    19 Maggio 2011 - 13:01

    In occasione di una sua visita, Chesterton fece notare all'amico George Bernard Shaw: «Guardandoti, chiunque penserebbe che l'Inghilterra sia stata colpita da una carestia!». Shaw replicò: «Guardandoti, chiunque penserebbe che sia stato tu a causarla!».

    Report

    Rispondi

  • angeloparatico

    18 Maggio 2011 - 18:06

    Il mio commento segue una lunga recensione sull'ultima biografia di una precisione maniacale appena pubblicata in GRan Bretagna. Chiaro che Chesterton e' altro. Trovate una recensione sul New York Review of Books di questo libro. Le cose che venivano sottolineate erano la sua obesita', non solo grasso, ma grassissimo, dovuto forse alle grandi quantita' di alcool che consumava. Non lo sapevo e mi ha impressionato, questo forse spiega come in certi passi scriva sublimamente e in certi altri in modo molto banale. Nel complesso e' stato un grande scrittore, Padre Brown, la biografia di Tommaso d'Aquino (altro ciccione).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog