Cerca

Una modella senza vestiti crea scandalo a Venezia

Una bellissima donna nuda protagonista della mostra di Urs Fisher a Palazzo Grassi tra oche nelle lavatrici e lampade con verdure

Una modella senza vestiti crea scandalo a Venezia

Il nudo è arte, ma fa scalpore. Ha infatti creato scandalo la mostra dell'artista svizzero 39enne Urs Fischer aperta a Palazzo Grassi a Venezia. In occasione dell'esposizione delle sue 30 opere che più rappresentano la produzione artistica degli ultimi 22 anni di uno degli artisti più gettonati dell'arte contemporanea, una bellissima modella completamente svestita si aggirava nelle sale. 

guarda le foto nella Gallery

La mostra, intitolata "Madame Fisscher", curata dallo stesso artista e da Caroline Bourgeois, rimarrà alla Fondazione Pinault fino al prossimo 15 giugno. Si potranno ammirare, oltre alla bella ragazza nuda anche animali e oggetti inusuali, appartenenti alla quotidianità ma con dettagli bizzarri: lampade con verdura annessa, appendiabiti dalle forme inedite, lavatrici con delle oche, candele-sculture.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sig.nessuno

    20 Aprile 2012 - 19:07

    Il nudo femminile nell'arte è stato sempre presente. Non vedo dove sia lo scandalo. Che poi si possa criticare il messaggio espresso o la forma comunicativa all'interno della quale è inserito il nudo è un altro discorso.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    20 Aprile 2012 - 19:07

    E' solo burlesque dopo una cena elegante!

    Report

    Rispondi

  • aifide

    18 Aprile 2012 - 18:06

    ........................con il governo Monti & c. (governo di uomini di tre lettere!).

    Report

    Rispondi

  • biri

    16 Aprile 2012 - 13:01

    Alla parata dei bigotti manca soltanto il venerabile maestro GMTubini che, dopo averci illuminato sulla vera essenza della natura umana, non mancherà di condividere con noi le sue visioni sull'arte. Insomma, siamo in attesa di una revisione della "Critica del giudizio", che certamente il preclaro filosofo ci donerà. Per tacer della di lui consorte, che di filosofia dice di capirne.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog