Cerca

Ottavi

Champions, la Juventus vince 2-1 l'andata degli ottavi contro il Borussia Dortmund

Champions, la Juventus vince 2-1 l'andata degli ottavi contro il Borussia Dortmund

La bolgia dello Juventus stadium almeno per ora può esultare dopo il 2-1 dei bianconeri contro il Borussia Dortmund nell'andata degli ottavi di Champions. Sblocca tutto Tevez, poi Chiellini ci mette del suo e lascia l'occasione del pari sfruttata da Reus, ma quando ancora il primo tempo non è finito c'è il guizzo dello spagnolo Morata a fissare il vantaggio. Il ritorno in Germania sarà il 18 marzo. Massimiliano Allegri esulta: "Non abbiamo concesso nulla, vittoria meritata"

La cronaca - Che le due formazioni si equivalessero in valori assoluti è stato evidente dalle prima battute, i tedeschi però vengono da sette partite nelle quali hanno sempre subito gol e Tevez ha voluto confermare le statistiche. Al 13' Morata parte in contropiede e piazza il pallone basso in area, la respinta di Weidenfeller e l'Apache si scaraventa sulla palla e segna. Passano solo 5' e Chiellini palla al piede scivola rovinosamente in area, gli sta dietro Reus che solo davanti a Buffon ha poco margine per sbagliare. Pirlo dirige dalla regia senza risparmiarsi, ma al 37' è costretto a uscire per un problema muscolare, al suo posto Pogba. Al 43' è il francese a ricevere sulla sinistra da Tevez e la piazza in mezzo: Morata ha solo da piazzare la palla in gol e fa uscire i bianconeri da uno dei momenti di maggiore difficoltà, con Immobile vera spina nel fianco, tenuto a bada nel possibile da Chiellini. Al rientro in campo Klopp accoglie gli juventini con un sorriso sornione. Pur sotto di un gol, il tedesco sembra avere un piano diabolico in mente: in regia Sahim e Gündogan e quattro attaccanti, con due esterni e una mezzapunta dietro Immobile. I tedeschi cercano subito di pareggiare i conti, ma si scoprono non poco e l'intesa tra Tevez e Morata è sempre più devastante. Ai bianconeri sfumano almeno quattro occasioni nitide: prima con Tevez vicinissimo al gol, poi Pereyra e il suo sinistro impreciso, c'è spazio anche per Chiellini e poi di nuovo l'Apache, ma stavolta Weidenfeller fa il suo.

Hart frena Messi - Più facile del previsto la trasferta in terra inglese per il Barcellona, che ha sconfitto 2-1 il Manchester City con una doppietta di Suarez, ma nel finale ha sprecato l'occasione per chiudere la sfida con Messi che si è fatto parare un rigore da Hart. Proprio l'argentino e' stato tra i migliori dei blaugrana, specie in un primo tempo in cui insieme con Suarez e Neymar ha fatto impazzire la retroguardia dei Citizens. Già al quarto d'ora, un errore di Kompany in disimpegno ha consentito a Suarez di battere il portiere di casa con un sinistro in diagonale e alla mezz'ora ancora l'uruguaiano ha raddoppiato raccogliendo in scivolata al volo un cross di Jordi Alba dalla sinistra. La squadra di Pellegrini, incapace di arginare la manovra avvolgente del Barcellona, si è affacciata poco in avanti, tirando solo due volte in porta. Nella ripresa però i Citizens hanno cambiato marcia, approfittando anche di un calo mentale del Barca e hanno messo sotto pressione ter Stegen fino a trovare il gol con Aguero a venti minuti dalla fine. L'espulsione di Clichy per doppia ammonizione al 75' ha poi frustrato le speranze dei padroni di casa di completare la rimonta. Il Barcellona non è riuscito però ad approfittare del vantaggio e anzi ha regalato nuove speranze al City sprecando al 90' con Messi il rigore del possibile 3-1. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog