Cerca

Calciopoli

Juventus, Luciano Moggi prescritto. L'esperto: "Risarcimento e scudetti, per i bianconeri poche chance"

Juventus, Luciano Moggi prescritto. L'esperto: "Risarcimento e scudetti, per i bianconeri poche chance"

«Prescritti!». «No, prescritti siete voi!». Nell’enorme sfogatoio rappresentato dai social network le ore successive al verdetto della Cassazione su Calciopoli sono state caratterizzate dai continui botta e risposta soprattutto tra tifosi interisti e bianconeri.

Rispetto all’estate 2006, quando lo scandalo esplose e i social network in Italia quasi non esistevano, ieri dopo la sentenza della Cassazione sono diventati la «piazza» dove discutere: oltre 8500 i tweet contenenti la parola «Moggi», oltre 8000 su «Calciopoli», 1700 con la parola «prescritti», tutti tra gli hashtag più usati su Twitter. Capitolo scudetti: alla luce della sentenza della Cassazione, la Juve può sperare nella riapertura dell’inchiesta in ambito sportivo, che potrebbe portare alla restituzione dei tricolori 2005 e 2006? Secondo l’avvocato Mattia Grassani, esperto di diritto sportivo, pare difficile: «Anche un’assoluzione nel merito - ha dichiarato a Libero - non avrebbe portato automaticamente una revisione dei processi sportivi, vista la separazione degli ordinamenti. Tante volte in passato ci sono state assoluzioni in ambito penalistico e condanne in ambito sportivo».

Nel caso specifico, poi, «buona parte dei reati sono stati confermati ma è intervenuta la prescrizione». Qualcuno ha già tirato fuori l'art.39 del Codice di Giustizia Sportiva, che potrebbe portare alla riapertura dei processi, ma per Grassani non esistono «rapporti di causa-effetto tra questa sentenza e la riapertura dei procedimenti sportivi, a maggior ragione quando la pronuncia della Cassazione fa riferimento in buona parte, e soprattutto per il reato più grave cioè l’associazione a delinquere, alla prescrizione. Rivendicare scudetti revocati e portare avanti la richiesta di risarcimento rappresentano due percorsi molto lunghi e pieni di difficoltà». In sostanza, quindi, «l’ultima sentenza non ha cambiato molto il quadro generale».

di Matteo Spaziante

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • molagiro99

    26 Marzo 2015 - 09:09

    ...continua la vergogna ...hanno trasformata una prescrizione in una assoluzione...Se poi si aggiunge che quell'individuo losco pretende di ritornare nel mondo del calcio vuol dire che siamo all'assurdo. Farebbero bene a non disturbare il cane che dorme, pensate se indagassero per gli anni precedenti a calciopoli..SIC..SIC... Ladri leggitimati da una giustizia (VOLUTAMENTE )lumaca... -AGNELLI!!-

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    26 Marzo 2015 - 00:12

    Moggi non è stato assolto, l'accusa è rimasta, la donnaccia è caduta in prescrizione. Quindi, perché mai dovrebbero ridare gli scudetti alla Juventus? Poi quello fu un processo sportivo, per fortuna senza le lungaggini di quello civile, e la sentenza sportiva rispecchia quella penale.

    Report

    Rispondi

  • keko70

    25 Marzo 2015 - 18:06

    Infatti l'ultima sentenza non ha cambiato di molto il quadro generale, però ha ulteriormente alleviato la posizione degli imputati con l'assoluzione di Bertini e Dattilo. Il Signore si dimentica però che il risarcimento danni è stato chiesto già in 1°grado quando gli assolti erano molti meno: indi per cui non vedo perché non lo si possa fare adesso. Altri esperti di diritto dicono il contrario...

    Report

    Rispondi

  • renatokaso

    25 Marzo 2015 - 17:05

    ho commentato alla gazzetta dello sport ma non hanno quasi mai pubblicati e si che non erano ne volgari ne offensivi ma sicuramente in difesa di moggi e la juve se questa e la gazzetta siamo messi molto male

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog